SKOREA-NKOREA-MALAYSIA-POLITICS-DIPLOMACY-KIM
Esteri

Corea del Nord: Kim Jong-un tenta di far uccidere il nipote 22enne

Scappato in Cina, Kim Han Sol, figlio del fratello del dittatore assassinato in Malesia, sarebbe stato intercettato a Pechino da alcuni agenti di Pyongyang

Tra le foto scattate in una fattoria e quelle posate in una fabbrica di cosmetici, il leader della Corea del Nord Kim Jong-un incarica dei sicari di uccidere il suo giovane nipote Kim Han Sol, figlio di Kim Jong Nam, il fratello maggiore prima caduto in disgrazia e poi assassinato in Malesia all’inizio del 2017 con la colpa di essere il “delfino” e quindi una minaccia al potere del dittatore in carica.

Il nipote di Kim Jong-un

Per il quotidiano sudcoreano JoongAng Ilbo, un paio di presunti agenti dei servizi segreti nordcoreani, su sette assoldati, sarebbero stati arrestati dalla polizia cinese in merito al fallito tentativo di uccidere il 22enne.

Gli arrestati, che avrebbero fatto parte di un vero e proprio commando, sarebbero stati addestrati per eliminare di tutti gli avversari politici di Kim Jong-un, compreso i membri della sua stessa famiglia. Come denunciava il ragazzo qualche mese fa a proposito della morte del padre.


Secondo alcune indiscrezioni pubblicate sempre su JoongAng Ilbo, l’intera squadra sarebbe stata formata da un gruppo d’azione e uno di appoggio. A Pechino ci sarebbe stata inoltre un’unità che avrebbe avuto il compito di identificare il luogo dove si trovava Kim Han Sol.

Perché Kim Han Sol sarebbe in pericolo di vita

Alla morte del dittatore, o nel caso di una sua impossibilità al comando, il “trono” nordcoreano può essere ereditato da uno dei discendenti diretti fino alla terza generazione. Questo rende il giovane 22enne una potenziale minaccia alla poltrona di Kim. Quindi un "elemento" da eliminare.

“Un corpo speciale appartenente alla squadra di ricognizione della Corea del Nord è entrato in Cina per prelevare Kim Han-sol, ma alcuni agenti sono stati fermati dal ministero cinese della sicurezza nazionale e sono attualmente sotto inchiesta presso strutture fuori Pechino”, sottolinea il giornale sudcoreano che però va preso con le dovute cautele, visto che le fonti dei media di Seul sono gli stessi servizi segreti sudcoreani.

Kim escluso dal Congresso del Partito comunista cinese

Per il momento non ci sarebbero conferme di alcun tipo, ma sempre secondo quanto riportato sul quotidiano coreano il tentato omicidio sarebbe stato scoperto grazie alle speciali misure di sicurezza cinesi adottate per del 19° Congresso del Partito comunista di Pechino al quale Kim Jong-un, peraltro, non era stato invitato.

© Riproduzione Riservata

Commenti