Barack Obama
Esteri

Che cosa stanno facendo Obama e Michelle?

Sono al lavoro, tra politica ed editoria. Ma, prima di tutto, si rilassano, riflettono, si dedicano alla famiglia e agli amici, viaggiano...

"Il primo cocktail party di Barack Obama nel suo nuovo ufficio, lo scorso mese, era certamente più semplice del più semplice che ava organizzato negli ultimi anni" esordisce il Washington Post in un articolo sulla nuova vita dell'ex presidente Usa.

Riferisce di un padrone di casa informale nei modi e nell'outfit che, per l'occasione, non prevedeva la cravatta, aggirarsi nello studio arredato in stile minimal assieme a qualche decina di funzionari della sua amministrazione (c'era pure Joe Biden, dice).

Quello che il quotidiano di Jeff Bezos intende comunicare con il mini-racconto dell'evento è che Obama sta vivendo il suo post-presidenza nello stesso modo di quel party, cioè con sobrietà e un basso profilo dietro il quale può rilassarsi, riflettere, godersi la famiglia e gli amici.

Star, loro malgrado
Ma non sarà facile. Basti pensare a cosa è successo a febbraio, quando si recò a Broadway per assistere alla performance di Arthur Miller The Price con la figlia maggiore Malia. Con il solito low profile, i due si sono introdotti in sala quando le luci erano già spente, ma è bastato un tweet di un giornalista del New York Times seduto accanto a loro per far accorrere una folla radunata fuori dal teatro.

E, soprattutto, non è detto che sarà sempre così. E c'è già qualche segnale che lascia presagire una tregua. Un esempio su tutti: la settimana scorsa, durante una vacanza in un resort di lusso nel sud del Pacifico, si è preso una pausa dal relax per preparare e inviare un comunicato in cui invitava i repubblicani a non smantellare unilateralmente il suo Obamacare.

Nei due mesi precedenti, invece, erano state vacanze e basta. Prima a Palm Springs, poi ai Caraibi e alle Hawaii e Tetiaroa, l'isola che fu di Marlon Brando, dove Obama e Michelle hanno in programma un soggiorno prolungato per dedicarsi alla stesura del loro libro di memorie sulle rispettive vite alla Casa Bianca.

La politica resta centrale
Tra un paradisetto e l'altro, gli Obamas avranno come base Washington, indipendentemente dal fatto che fino al 2019 la loro figlia Sasha frequenterà la Sidwell Friends School. Oggi si dividono tra la loro casa nel quartiere di Kalorama, recentemente ristrutturata e gli uffici nel West End, dove, in totale vi lavorano circa 20 persone (due terzi delle quali per Barack).

A sovrintendere alle parte più delicata, il lavoro politico, è l'ex procuratore generale Eric Holder, che sta lavorando al ridisegno delle mappe legislative dei democratici, che per molti sta declinando un po' troppo verso il Gop.

Michelle, da par suo, oltre a essere impegnata con il libro, si dedica alla visita di scuole e altri luoghi istituzionali e alla causa degli immigrati.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti