Pistorius, la sentenza
Esteri

Caso Pistorius: perché gli è stata raddoppiata la pena

Come si è arrivati alla nuova condanna, a 13 anni e 5 mesi, dell'ex campione paraolimpico per aver ucciso la fidanzata Reeva Steenkamp nel 2013

Ci aveva sperato Oscar Pistorius. Ma la giustizia fa il suo corso e non dimentica. Così, al termine del processo di secondo grado per l'assassinio della sua fidanzata Reeva Steenkamp, avvenuto nel febbraio del 2013, ha dovuto incassare una condanna quasi raddoppiata.

La nuova condanna per Pistorius

L’Alta corte d'appello sudafricana ha sentenziato che l'ex campione paralimpico dovrà scontare 13 anni e 5 mesi di prigione.

Arrivata dopo che la pubblica accusa aveva fatto ricorso perché la sentenza era stata ritenuta "lieve in modo sconvolgente", la condanna ha colto di sorpresa Pistorius che però non era in aula alla pronuncia d'appello.

La pena applicata all’altleta paraolimpico è la minima per l'omicidio commesso, ovvero 15 anni, defalcandogli tutto il periodo che ha già però trascorso agli arresti.

I ricorsi

Quello del 2017 è il secondo ricorso che viene presentato contro la condanna a Pistorius. La prima volta era avvenuto nell’ottobre del 2014 quando l’uomo era stato condannato a 5 anni di carcere per omicidio colposo (ovvero senza l'intenzione di uccidere). Poi il tribunale supremo d'appello aveva annullato quella stessa sentenza nel dicembre del 2015, capovolgendo la situazione e dichiarando Pistorius colpevole di omicidio volontario.

Ritornato al Tribunale superiore di Pretoria, il giudice aveva stabilito nel 2016 che, ai 6 anni per omicidio volontario appunto, si potessero aggiungere delle attenuanti.

A questo verdetto ha risposto la procura di Pretoria con un ricorso che ha portato alla nuova pena raddoppiata.

La reazione della famiglia della moglie

"Questa mattina è stata confermata la nostra fiducia nella giustizia", ha riferito la portavoce della famiglia Steenkamp.

Il caso

Il 14 febbraio 2013 Reeva Rebecca Steenkamp viene uccisa nella sua casa di Pretoria da quattro proiettili. Gli spari oltrepassano la porta chiusa del bagno e la freddano. A fare fuoco è il marito, Oscar Pistorius, che ha sempre sostenuto di sparato scambiando la donna per un ladro entrato dalla finestra.

© Riproduzione Riservata

Commenti