Boko Haram all'attacco in Nigeria

Una doppia esplosione a Maiduguri, un attacco alla polizia a Damaturu. Così i terroristi rispondono alla rottura delle trattative con il governo

Bomb blast in Kaduna Nigeria

Maiduguri, Nigeria – Credits: ANSA FOTO

È di oltre 10 morti il bilancio dell'attentato compiuto da due donne kamikaze in un mercato di Maiduguri, nel nordest della Nigeria. Secondo quanto riferito da un testimone, una donna di una quarantina d'anni si è avvicinata ai banchi del mercato dei polli quando i militari hanno cercato di verificare i bagagli che portava. Al suo rifiuto, quando la gente si è raccolta intorno, ha azionato la bomba, cui è seguita un'altra esplosione che ha distrutto gli edifici intorno e ucciso almeno dieci persone. Già la scorsa settimana, il Monday Market di Maiduguri era stato colpito da due donne kamikaze, con l'esplosivo nascosto sotto il velo islamico, che avevano fatto 45 morti.

Anche la città di Damaturu, sempre nel nord-est della Nigeria, è finita sotto attacco, invasa da un commando di uomini armati che hanno sferrato un attacco alla polizia locale. Il sospetto è che si tratti di Boko Haram, l'organizzazione neoislamista già responsabile del rapimento di decine di studentesse cristiane. Gli abitanti della città hanno lasciato le loro case e sono fuggiti nella foresta. Secondo gli analisti, questa nuova ondata di terrore è la risposta di Boko Haram alla rottura delle trattative con il nuovo presidente nigeriano.
  

 
Boko Haram: l'Internazionale dell'orrore
© Riproduzione Riservata

Commenti