Le anime belle del 730 precompilato sono servite
ANSA/FRANCO SILVI
Le anime belle del 730 precompilato sono servite
Economia

Le anime belle del 730 precompilato sono servite

Lo Stato aumenta i trasferimenti ai Caf (ma non dovevano scomparire?) che trasmettono le dichiarazioni dei redditi degli italiani.

Lo chiameremo “animabellismo”. E’ quella tendenza a credere a tutto, immaginare scenari irrealistici senza tenere conto della realtà. Un esempio di animabellismo riguarda le reazioni scomposte all’annuncio del mitico “730 precompilato”. Lasciamo stare i problemi tecnici insiti nell’operazione, e quindi non parliamo del fatto che il 71% delle dichiarazioni provenienti dall’Agenzia delle Entrate dovrà essere integrato dal contribuente con, ad esempio, le detrazioni delle spese mediche, e andiamo al sodo.

Appena dopo l’annuncio gli animabellisti esultarono perché grazie al 730 precompilato non avrebbero più avuto senso i Caf e i commercialisti e, quindi, si sarebbero potuti risparmiare i soldi che oggi si spendono nell’assistenza fiscale. Qualcuno arrivò addirittura a dire che lo Stato avrebbe risparmiato, proprio perché non avrebbe dovuto trasferire ai Caf i soldi dovuti per ogni dichiarazione dei redditi che questi redigono.

Beh, abbiamo scoperto che non è così, anzi, è molto peggio. Oggi i Caf, cioè i sindacati, ricevono dallo Stato 14 euro per ogni dichiarazione che predispongono. I 730 precompilati continueranno a passare dagli uffici dei Caf e per quelli che non hanno bisogno di integrazione, i Caf continueranno a incassare 13,6 euro nel 2015 che saliranno a 15,4 nel 2016 e 16,9 nel 2017. Ora gli animabellisti dovrebbero chiedersi: ma perché se il lavoro dei Caf diminuisce l’importo per ogni dichiarazione trasmessa aumentano? In attesa di una risposta animabellista, se ne può azzardare una dettata dal semplice ragionamento pratico: con il 730 precompilato ci saranno effettivamente meno persone che avranno bisogno dell’aiuto dei Caf come, ad esempio, i pensionati che non hanno altri redditi, e i Caf , cioè i sindacati, avrebbero corso il rischio di incassare meno soldi e per questo lo Stato ha pensato bene di scongiurare questo rischio aumentando la tariffa che viene loro riconosciuta per ogni singolo documento che viene trasmesso.

Non è finita. Per le dichiarazioni che invece hanno bisogno di rettifiche, i Caf riceveranno dallo Stato 14,3 euro quest’anno, 16,6 euro nel 2016, 17,7 nel 2017. Per le dichiarazioni che invece abbisognano di vere e proprie correzioni, i Caf incasseranno 16,2 euro quest’anno che saliranno a 18,3 nel 2016. E il contribuente? I vantaggi sembrano essere piuttosto scarsi visto che dovrà continuare a pagare al Caf al quale si rivolge una cifra compresa tra i 30 e i 50 euro. E con questo gli animabellisti sono serviti.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti