Maltrattamenti, torture e uso incontrollato di violenza; punizioni inadeguate per i responsabili; leggi inadatte a punire la tortura: sono questi i tre elementi sui quali poggia la nuova condanna della Corte europea per i diritti dell'uomo di Strasburgo, in relazione ai fatti avvenuti nella scuola Diaz di Genova durante il G8 del 2001.

- LEGGI ANCHE: Torture alla Diaz: i motivi della sentenza di Strasburgo

Sentenza alla mano, i giudici hanno stabilito che i manifestanti sono stati torturati con sofferenze psichiche e fisiche gravi per la natura particolarmente crudele dei maltrattamenti da parte della polizia, che non ha risparmiato i manifestanti sdraiati o con le mani alzate, e malgrado non avessero commesso alcun atto di violenza o di resistenza agli agenti.

Hanno sentenziato, inoltre, che i responsabili delle torture e dei maltrattamenti disumani vietati dell'articolo della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, non sono stati puniti adeguatamente.

- LEGGI ANCHE: Diaz: l'assalto durante il G8 di Genova fu tortura

La Corte ha anche ribadito l'accusa all'Italia di non essersi dotata di una legge che punisca la tortura e quindi in grado di prevenire gli questo di tipo di atti da parte delle forze dell'ordine.

Già nell'aprile 2015, la Corte di Strasburgo aveva condannato l'Italia per quella che fu definita da un ex vicequestore come "una macelleria messicana", in cui furono feriti 61 manifestanti.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti