Cronaca

Il rapporto Ocse sui migranti nel mondo: i dati sull'Italia

Nell'ultimo anno gli arrivi nel nostro paese sono calati del 34%, aumentano le richieste d'asilo e gli italiani all'estero

sbarco migranti

Matteo Politanò

-

L'OCSE, Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha diffuso il rapporto annuale sulle migrazioni in occasione della Giornata mondiale del rifugiato. Nel mondo il fenomeno migratorio fa registrare il primo calo dal 2011 a questa parte: -5%. Diminuisce nettamente anche il numero dei migranti arrivati in Italia: - 34% rispetto al 2016. 

La situazione italiana

Secondo l'Ocse nel 2017 sono arrivati in Italia 119 mila migranti, il 34% in meno rispetto al 2016 e il 22% in meno rispetto al 2015. Un netto calo che secondo l'organizzazione deriva dagli accordi tra Italia e LIbia siglati ad inizio del 2017 per limitare i flussi migratori dall'Africa.

Le provenienze dei migranti in Italia

Il rapporto sottolinea come il maggior numero di migranti arrivati in Italia nell'ultimo anno provenga da Nigeria, Guinea e Costa d'Avorio.​

Le richieste di asilo

L'Ocse ha fatto sapere come nel 2017 l'Italia abbia ricevuto oltre 130 mila richieste di asilo, 10 mila in più rispetto al 2016. Le richieste provengono per lo più dalla Nigeria (18%), dallo Sri Lanka (10%) e dal Pakistan (7,5%).

I permessi di soggiorno

Tra il 2016 e il 2017 l'Italia ha rilasciato circa 226 mila permessi di soggiorno. Il 4% è stato concesso per lavoro, il 46% per motivi familiari e il 33% per motivi d'asilo o umanitari.

L'allarme minori

Dei 119 mila migranti arrivati in Italia nel 2017 oltre 16 mila erano minori non accompagnati. Un numero allarmante ma comunque in netto calo, oltre il 39%, rispetto al 2016.

I dati mondiali

L'Italia è la terza nazione al mondo per numero di richieste d'asilo (130 mila). Al primo ci sono gli Usa con 330 mila domande, al secondo la Germania con 198 mila contro le 722 mila del 2016. Dopo l'Italia ci sono al quarto posto la Turchia con 124 mila richieste e la Francia con 91 mila. Tra i paesi che hanno avuto il maggiore incremento delle domande d'asilo ci sono il Giappone (+76%) e il Messico (+62%) mentre Ungheria e Polonia, che stanno fortemente contrastando le politiche migratorie UE, hanno avuto rispettivamente l'89% e il 69% di richieste in meno.

Più italiani all'estero

Cresce il numero degli italiani che decidono di trasferirsi all'estero. Secondo l'Ocse tra il 2015 e il 2016 i cittadini domiciliati nella penisola che si sono trasferiti oltre confine è passato da 102 mila a 114 mila, un incremento dell'11% che però "potrebe essere molto più alto considerando l'emigrazione non dichiarata, oscillando tra le 125 mila e le 300 mila persone".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Sui migranti si discuta in Europa, non sui social

La morale provocatoria di Macron non si combatte a colpi di meme o con slogan elettorali. Ma al tavolo negoziale con argomenti, dialettica e visione

Migranti, l’arrivo della nave Diciotti a Catania

Se i migranti diventano un test per la solidità del M5S

La prova di Salvini che ha negato lo sbarco a 629 persone ha messo a disagio fette del Movimento che ora temono di diventare una corrente della Lega

Come le Ong favoriscono l'arrivo di migranti in Italia dalla Libia

Alcune Organizzazioni non governative continuano a beffarci. Talvolta i trafficanti, che si spacciano per parenti dei clandestini, attivano il recupero dei gommoni chiamando la centrale operativa di Roma

Commenti