Cronaca

Processo Ruby: le motivazioni della sentenza

Non c'è prova che Berlusconi sapesse che la ragazza fosse minorenne; lo scrivono i giudici

Ruby: appello, assolto Berlusconi

Andrea Soglio

-

"La conoscenza della minore eta'" di Ruby "da parte di Silvio Berlusconi" e' "circostanza non assistita da adeguato supporto probatorio". Lo scrive la Corte d'Appello di Milano nelle motivazioni della sentenza con cui a luglio ha assolto con formula piena l'ex premier dalle accuse di concussione e prostituzione minorile, in quello che prt tutti ormai è noto come il "Processo Ruby".

Le motivazioni sono state depositate stamane a Milano e firmate dal giudice relatore Concetta Locurto.

Per quanto riguarda la seconda accusa, quella legata alla presunta concussione, il giudice spiega che "Deve escludersi che (...) la costrizione mediante minaccia fosse l'unico strumento per riuscire ad ottenere l'affidamento di Karima El Marough a Nicole Minetti". Ed aggiunge che "in ordine al delitto di concussione (...) non vi e' prova della ascrivibilita' a Silvio Berlusconi di una intimidazione costrittiva nei confronti" del capo di Gabinetto della Questura di Milano Pietro Ostuni.

Sulla presunta attività prostitutiva di Ruby, il giudice spiega che: "Senza qui dilungarsi oltre sui riscontri che le intercettazioni, gli esiti delle perquisizioni e i successivi accertamenti di pg hanno fornito - scrive la Corte d'Appello nelle motivazioni - anche in ordine ad altri dettagli narrati da Karima El Mahroug, a proposito delle ingenti somme di denaro in contante e dei gioielli consegnati da Berlusconi alle ragazze partecipanti alle serate, dell'assenza di controlli sugli invitati ad Arcore, delle spese che l'imputato si accollava per la conduzione degli immobili occupati da molte frequentatrici delle serate, deve in conclusione convenirsi con il Tribunale sul fatto che sia stata acquisita prova certa dell'esercizio di attivita' prostituitva ad Arcore"

Ricordiamo che in primo grado Silvio Berlusconi era stato condannato a 7 anni mentre la sentenza d'appello lo aveva assolto per quanto riguarda l'accusa di prostituzione minorile perché "il fatto non costituisce reato" e per quanto riguarda l'accusa di concussione "perché il fatto non sussiste" 


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Rubygate: l'assoluzione di Berlusconi

Una vittoria della difesa, affidata a Franco Coppi e Filippo Dinacci, e una sconfitta clamorosa dell'accusa: ribaltata la sentenza di primo grado. Le incongruenze del processo

Rubygate, le eredità del pornoprocesso

Adesso che B. è stato assolto, è il momento di riavvolgere il nastro e farsi molte domande scomode - Ora il Cav è più forte con Renzi - La vittoria del prof. Coppi : perché non fu concussione - Una sentenza che mette d'accordo Fi e Ncd - Un verdetto che volta pagina

Rubygate, ecco perché non ci fu concussione

La difesa ha fatto breccia segnalando un'illogicità: perché Berlusconi chiamò in questura il 26 maggio 2010 e non lo fece il 5 giugno, quando Ruby fu nuovamente fermata?

Rubygate: una sentenza per voltare pagina

Perché il verdetto della Corte d'Appello consente di guardare avanti con più ottimismo - L'eredità del pornoprocesso - Ora il Cav è più forte con Renzi  

Commenti