Cronaca

La terra trema ancora nell'Italia centrale

Sale a 296 il numero delle vittime. Il premier incontra il commissario Errani: "Un progetto antisismico decennale"

terremoto centro Italia

– Credits: Ufficio Stampa Rai

Una nuova scossa di terremoto, di magnitudo 3.2 è stata registrata in provincia di Rieti al confine con Marche e Abruzzo, alle 2:18. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 10 km di profondità ed epicentro 5 km da Amatrice e 8 da Accumoli. Un'altra di magnitudo 3 è stata registrata invece a 00:49 vicino Preci, in provincia di Perugia, non lontano da Norcia.

Dal terremoto di magnitudo 6.0 avvenuto alle ore 03:36 italiane del 24 agosto, l’Istituto Nazionale ha individuato finora complessivamente oltre 5500 eventi: 159 i terremoti di magnitudo compresa tra 3.0 e 4.0; 15 quelli localizzati di magnitudo compresa tra 4.0 e 5.0 e uno di magnitudo maggiore di 5.0, quello di magnitudo 5.4 (Mw 5.3) avvenuto il 24 agosto nella zona di Norcia (PG). Il numero delle vittime del terremoto è salito intanto a 296: l'ultimo è Sayed, un rifugiato afgano rimasto sotto le macerie della sua casa ad Amatrice, per cui il fratello Zia - giunto dall'Austria dove abitava con la famiglia - aveva sperato fino all’ultimo. Il cadavere individuato sotto l’edificio distrutto




Schermata 2016-09-06 a 10.22.46

La sequenza sismica in Italia centrale aggiornata il 5 settembre – Credits: INGV

CASA ITALIA: PROGETTO DECENNALE
Il premier Matteo Renzi, di ritorno dalla Cina, ha incontrato stamane Vasco Errani, il commissario per la ricostruzione nominato dal governo che dovrà raccogliere le richieste delle comunità colpite dal sisma. Successivamente ha incontrato  il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, i rappresentanti di Anci, l'Upi e le Regioni a Palazzo Chigi. È il via ufficiale a quella che il governo definisce la fase di dialogo e ascolto per coordinare i lavori post-sisma che, nelle intenzioni, dovrebbero essere decentrati, ma sotto la supervisione del commissario governativo. Non verranno alzate le tasse sulla benzina. Il progetto Casa Italia nelle intenzioni del governo ha l'obiettivo (ambizioso) di mettere in sicurezza ilo territorio, in un arco tempo pluriennale.

Queste le parole di Renzi: "Dobbiamo immaginare una scommessa non per i prossimi mesi ma per i prossimi anni,  un lavoro che non deve dare risultati domattina ma che rappresenti un'opera di vera prevenzione e serietà. Siamo qui per chiedervi di partecipare con le vostre valutazioni, ruolo e contributo tecnico, per un lavoro che io credo debba andare avanti almeno per un decennio senza che su questo si giochi alcuna battaglia politica". 
 

 
© Riproduzione Riservata

Commenti