Redazione

-

Si celebra il 23 maggio il 25° anniversario della strage di Capaci, in cui per mano della mafia persero la vita il magistrato Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, e tre agenti della polizia di Stato membri della scorta: Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

La ricorrenza si lega nelle commemorazioni a quella che il 19 luglio dello stesso 1992 vide cadere in un secondo attentato mafioso il magistrato Paolo Borsellino e i cinque agenti della sua scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

Il plenum del CSM ricorda Falcone

Alla vigilia dell'anniversario della strage di Capaci, il Consiglio superiore della Magistratura ha dedicato il 22 maggio una riunione straordinaria della sua Assemblea plenaria al ricordo del magistrato.

Al plenum, presieduto dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, hanno assistito anche il Presidente del Senato, Pietro Grasso, la sorella di Giovanni, Maria Falcone, e Alfredo Morvillo, procuratore di Trapani e fratello di Francesca.

Desecretati i documenti del CSM su Falcone

L'organo di autogoverno della magistratura ha comunicato di avere tolto il segreto su tutti i documenti riguardanti i suoi rapporti con Giovanni Falcone. Custoditi per oltre 20 anni nel caveau di sicurezza di Palazzo dei Marescialli, questi documenti comprendono tutti gli atti contenuti nel fascicolo personale del magistrato, dagli stenografici delle sue audizioni alle delibere che lo riguardarono.

Mille studenti sulla Nave della legalità

Come ormai da tradizione, le commemorazioni sono iniziate il 23 maggio con l'arrivo a Palermo della Nave della legalità. Salpata nel pomeriggio dal porto di Civitavecchia con a bordo circa mille studenti provenienti da tutta Italia, l'imbarcazione è stata accolta da delegazioni delle scuole di tutta la Sicilia, composte da centinaia di studentesse e studenti. 

Insieme ai loro insegnanti e ai dirigenti scolastici, i ragazzi hanno raggiunto l'aula bunker del carcere dell'Ucciardone, dove parteciperanno a un incontro, tra gli altri, con il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con il Presidente del Senato, Pietro Grasso, e con i Ministri dell'Istruzione e dell'Interno, Valeria Fedeli e Marco Minniti. All'esterno dell'aula bunker e a piazza Magione sono stati allestiti i "Villaggi della legalità".

Due cortei verso l'Albero Falcone

Nel pomeriggio sono partiti due cortei che si sono poi ricongiunti all'Albero Falcone, davanti al palazzo di via Notarbartolo dove abitavano il magistrato e la moglie.

Il primo corteo è partito alle 15.45 da via D'Amelio - luogo della strage in cui morirono Paolo Borsellino e la scorta - mentre il secondo si si è mosso alle 16.30 dall'Ucciardone.

Alle 17,58, ora della strage, è stato osservato un minuto di silenzio. Alle 19, nella chiesa di San Domenico, dove è sepolto Falcone, è stata celebrata una messa in memoria delle vittime.


Diretta TV su Rai Uno

In serata, Fabio Fazio ha condotto su Rai Uno una diretta televisiva no-stop e senza pubblicità dal titolo FalconeeBorsellino. Un racconto a metà tra narrazione, scrittura teatrale e documentario svoltasi nei luoghi vissuti dai due magistrati. Insieme a Fazio c'erano Pif e Roberto Saviano.

Al racconto hanno preso parte anche l'ex PM Giuseppe Ayala, Don Luigi Ciotti, il cancelliere dell'Aula Bunker Enzo Mineo, il fotografo Tony Gentile (che scattò la più celebre immagine dei due magistrati). Le partecipazioni musicali degli Avion Travel, Carmen Consoli, Fiorella Mannoia e Giuliano Sangiorgi hanno accompagnato la serata come fossero salmi civili.

Sono stati inoltre presenti gli attori Pierfrancesco Favino, Beppe Fiorello, Ottavia Piccolo, Michele Placido, Vittoria Puccini, Isabella Ragonese, Francesco Scianna e Luca Zingaretti. Andrea Camilleri e Maurizio Costanzo, infine, hanno ricordato le vicende dell'epoca con due testimonianze video.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Falcone e Borsellino 25 anni dopo: cosa ci resta

Il loro esempio è da seguire per chi lotta contro la mafia ma non solo. In una Sicilia dove tutto in fondo è rimasto com'era

La strage di Capaci: cosa è accaduto 26 anni fa

Attimo dopo attimo i fatti di venerdì 23 maggio 1992 fino all'esplosione delle 17,56 al chilometro 5,7 della A29 in direzione Palermo

La morte di Falcone nelle parole di Borsellino

La bozza integrale degli appunti scritti dal giudice per la morte del suo fraterno amico

Giovanni Falcone, quante lacrime di coccodrillo

Claudio Martelli, ministro della Giustizia all'epoca dei veleni di Palermo e dell'attentato a Capaci, ricorda chi fossero i nemici del magistrato

Giovanni Falcone, la memoria tradita

A celebrarne la concretezza dell'azione ci sono troppi professionisti dell'antimafia, protagonisti di indagini infinite e processi inconcludenti

Pippo Pollina in tour per omaggiare Falcone e Borsellino

Il cantautore siciliano presenterà i nuovi brani dell’album “Il sole che verrà”

Basta mistificazioni: ecco quel che diceva Falcone

Dopo la sua tragica morte, la sinistra si è impadronita della figura del magistrato (che da vivo aveva tanto osteggiato). Falsificandone molte posizioni

La strage di Capaci 27 anni dopo - FOTO

23 maggio 1992: 500 kg di tritolo fanno saltare in aria il giudice Giovanni Falcone, la moglie, la scorta. È la guerra di Cosa Nostra allo Stato

Strage di Via D'Amelio: la morte di Paolo Borsellino

La mafia annienta il giudice nel cuore di Palermo. La sfida allo Stato deflagra nei primi anni Novanta

Commenti