Photo Department

-

In occasione della Romano Dives, la Giornata internazionale delle popolazioni rom e sinti che si celebra oggi in tutto il mondo, a Berlino, presso il Memoriale ai Sinti e ai Rom d'Europa assassinati dal regime nazionalsocialista durante la Seconda Guerra Mondiale, si sono svolte le annuali commemorazioni in ricordo delle vittime del Porrajmos (letteralmente, "il divoramento"), lo sterminio di circa 500.000 zingari, l'unico altro popolo, oltre a quella ebraico, di cui il Terzo Reich progettò la completa distruzione.

A commemorare le anime dei morti e a ricordare le persecuzioni passate e presenti, durante la cerimonia sono stati posati dei fiori sullo specchio d'acqua del memoriale, progettato dallo scultore israeliano Dani Karavan e inaugurato nell'ottobre del 2012 e collocato nei pressi della Porta di Brandeburgo. 

La ricorrenza, riconosciuta dall'ONU nel 1979, venne istituita in ricordo dell'8 aprile del 1971, quando a Londra si riunì il primo Congresso internazionale del popolo rom e si costituì la Romani Union, la loro prima associazione mondiale. La minoranza più numerosa presente in Europa - costituita, secondo le stime, da circa 12 milioni di persone - è ancora oggi la più discriminata e marginalizzata nel nostro continente, a 600 anni dal suo arrivo in Europa dall'altopiano del Sindh, in India. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Rom e Sinti: la scuola fondamentale per l'integrazione

Il Rapporto nazionale dell'Associazione 21 luglio sottolinea anche l'aspettativa di vita di 10 anni più bassa rispetto ai coetanei

Giornata della memoria: ricordare lo sterminio di rom e sinti

Una proposta per includere il riferimento al Porrajmos nella legge che ha istituito il 27 gennaio come data della commemorazione

Gli Zingari di Josef Koudelka, in mostra a Milano

La Fondazione Forma espone Zingari, l'opera realizzata negli anni '60 dal fotografo ceco tra le comunità gitane dell'est europeo, solo oggi pubblicata nella versione originale pensata oltre 40 anni fa

Commenti