(Ansa, Ciro Fusco)
Cronaca

Fase 2: chi sono i congiunti e chi possiamo incontrare

Da domani si alle visite ai parenti, agli affetti stabili ma senza assembramenti. Fortemente sconsigliate le visite agli amici - TESTO UFFICIALE

Comincia la Fase 2. Dal 4 maggio il Governo ha stabilito la riapertura di numerose attività (leggi chi può tornare al lavoro) che riporteranno al lavoro quasi 4 milioni di cittadini. Ma soprattutto saranno allentate le limitazioni alla libertà privata ed agli spostamenti. Si potrà infatti far visita ai parenti (sempre nel rispetto delle norme sanitarie che prevedono l'uso della mascherina, dei guanti e del distanziamento sociale) e ai cosiddetti "affetti stabili". Da giorni questo è al centro del dibattito per cercare di stabilire davvero quale sia il perimetro delle persone che possiamo incontrare.

Dubbi a cui il Governo ha risposto con un documento ufficiale postato sul suo sito nelle famose FAQ:

IL DOCUMENTO INTEGRALE

FASE DUE REGOLE.pdf

1. Posso spostarmi per far visita a qualcuno?

Sono consentiti gli spostamenti per incontrare esclusivamente i propri congiunti (vedi faq successiva), che devono considerarsi tra gli spostamenti giustificati per necessità. E' comunque fortemente raccomandato limitare al massimo gli incontri con persone non conviventi, poiché questo aumenta il rischio di contagio. In occasione di questi incontri devono essere rispettati: il divieto di assembramento, il distanziamento interpersonale di almeno un metro e l'obbligo di usare le mascherine per la protezione delle vie respiratorie.

2. Chi sono i congiunti con cui è consentito incontrarsi, secondo l'articolo 1, comma 1, lettera a), del Dpcm del 26 aprile 2020?

L'ambito cui può riferirsi la dizione "congiunti" può indirettamente ricavarsi, sistematicamente, dalle norme sulla parentela e affinità, nonché dalla giurisprudenza in tema di responsabilità civile. Alla luce di questi riferimenti, deve ritenersi che i "congiunti" cui fa riferimento il DPCM ricomprendano: i coniugi, i partner conviventi, i partner delle unioni civili, le persone che sono legate da uno stabile legame affettivo, nonché i parenti fino al sesto grado (come, per esempio, i figli dei cugini tra loro) e gli affini fino al quarto grado (come, per esempio, i cugini del coniuge).

3. Si può uscire per fare una passeggiata?

Si può uscire dal proprio domicilio solo per andare al lavoro, per motivi di salute, per necessità (il decreto include in tale ipotesi quella di visita ai congiunti, vedi FAQ), o per svolgere attività sportiva o motoria all'aperto. Pertanto, le passeggiate sono ammesse solo se strettamente necessarie a realizzare uno spostamento giustificato da uno dei motivi appena indicati. Ad esempio, è giustificato da ragioni di necessità spostarsi per fare la spesa, per acquistare giornali, per andare in farmacia, o comunque per acquistare beni necessari per la vita quotidiana, ovvero per recarsi presso uno qualsiasi degli esercizi commerciali aperti (vedi FAQ). Inoltre, è giustificata ogni uscita dal domicilio per l'attività sportiva o motoria all'aperto. Resta inteso che la giustificazione di tutti gli spostamenti ammessi, in caso di eventuali controlli, può essere fornita nelle forme e con le modalità consentite. La giustificazione del motivo di lavoro può essere comprovata anche esibendo adeguata documentazione fornita dal datore di lavoro (tesserini o simili) idonea a dimostrare la condizione dichiarata. In ogni caso, tutti gli spostamenti sono soggetti al divieto generale di assembramento, e quindi all'obbligo di rispettare la distanza di sicurezza minima di un metro fra le persone.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti