Cronaca

Le bugie sull'onda antisemita che non esiste

Giornali ed opinionisti ci avevano raccontato, a proposito della scorta a Liliana Segre, che in Italia ci sono 200 episodi di antisemitismo al giorno. Dal rapporto però si scopre che sono 200 l'anno

Liliana-Segre

Da quando settimana scorsa è stata concessa la scorta a Liliana Segre alcuni giornali (i soliti), opinionisti (i soliti pure quelli) e diversi programmi tv ci hanno raccontato di un Italia invasa da un'ondata antisemita a dir poco preoccupante. Un'ondata, hanno scritto e detto, che porta a raccogliere 200 episodi al giorno di insulti, attacchi, offese.

Certo. Anche solo una di queste frasi non è tollerabile, anzi. Si tratta di parole inaccettabili, vergognose. E questo è fuori discussione.

Quello che però è altrettanto assurdo è montare un caso nazionale dove caso non esiste. Perché quanto ci hanno raccontato, almeno nei numeri (cioè nei fatti), è semplicemente falso. Una bugia grossa come una casa. 

Le analisi e gli articoli prendevano spunto dall'ultimo rapporto redatto dall'Osservatorio Antisemita, la principale ed autorevole organizzazione in Italia che appunto si occupa di questi attacchi raccogliendoli, catalogandoli, analizzandoli. Bene. Nel rapporto presentato scrivono che gli episodi sono stati 197 ma non al giorno: all'anno. Aggiungono anche che la tendenza è in crescita e che quest'anno, il 2019, supererà quota 200. Lo ripetiamo: all'anno.

1616923

Si può definire allarme una cosa che in un paese di 60 milioni di persone (50 milioni di adulti) raccoglie in tutto 200 episodi? No, assolutamente no. Ma a qualcuno per ovvi motivi (politici) fa gioco farlo credere. certo. Potremmo anche pensare che il primo a lanciare l'allarme con un bell'articolo si sia sbagliato inavvertitamente confondendo giorno con anno. Ma, chissà perché, propendiamo per una cosa voluta, pensata perché ad oggi, da quelle stesse pagine dello stesso giornale non abbiamo ancora letto smentite o correzioni al proposito.

Molto più comodo creare l'allarme, una bella fake news per cercare di seminare il panico contro Salvini, l'odio, il centrodestra, il ritorno dei fascisti (altra bugia dato che ad ogni elezione non arrivano all'1%).

Ogni giorno sul web ci sono centinaia di italiani che cercano droga, armi, contenuti pedopornografici. E nessuno parla di allarme nazionale. Quindi, per cortesia, smettiamola di prendere in giro la gente. Che tanto, stupida non è e sa benissimo leggere gli studi, le parole e soprattutto i numeri. Che non mentono. Mai. 

© Riproduzione Riservata

Commenti