Musica

Spotify rivela la mappa musicale del mondo

Il gigante dello streaming riflette i gusti musicali di ogni area del pianeta

Il Coldplay, la band più ascoltata nel 2014 su Spotify

Gabriele Antonucci

-

Viaggiare attraverso le musiche più amate in ogni singola area geografica della Terra rimanendo seduti comodamente sulla propria poltrona di casa.

Non è un sogno, ma è ciò che permette ora la "Mappa Musicale: Città del Mondo", una guida illustrata interattiva disponibile per gli utenti di Spotify, il più importante operatore nel ricco mercato della musica in streaming.

Il colosso svedese ha stilato una classifica internazionale sugli ascolti dei cittadini di 1000 città del mondo che riflette i gusti di ogni singola area basati sulla sua musica "distintiva", vale a dire quelle canzoni che sono ascoltate di frequente in alcune città  e non in altre.

Navigando attraverso la guida interattiva si ritrovano alcune playlist città per città in cui si possono ascoltare band e artisti di quella regione che ricevono maggiori stream, che oggi è il parametro principe per misurare la popolarità di un artista.

La playlist si aggiorna automaticamente ogni due settimane permettendo agli ascoltatori di viaggiare musicalmente nel mondo e stare al ritmo dello scenario musicale di ogni citta'. Ogni aggiornamento include l'analisi di circa 20 miliardi di canzoni ascoltate dagli utenti di Spotify.

La piattaforma, analizzando i dati ha scoperto che è l'hip hop il genere più ascoltato stando alla mappa e che la componente locale è fondamentale nel gradimento di un artista.

Il gruppo più ascoltato a New York è The Chainsmokers, ad Atlanta fa tendenza Tamia, Los Angeles non può fare a meno di Grupo Maximo Grado, mentre Chicago è fan di King Louie.

Tra le principali città del mondo la mappa evidenzia come Berlino sia sensibile al fascino dello stile di Mia, come Rio de Janeiro ami Mc Nego do Borel,  Londra preferisce le note di Jamie xx e Milano apprezzi il rap dei Low Low.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Spandau Ballet: "Oggi suoniamo meglio che negli anni Ottanta"

Intervista a Tony Hadley, che il 14 luglio guiderà la band inglese nel concerto alla Cavea dell'Auditorium di Roma

Jovanotti conquista la sua Roma – La recensione

Oltre 60.000 spettatori hanno riempito lo Stadio Olimpico per lo spettacolare ritorno a casa di Lorenzo

Commenti