Gabriele Antonucci

-

Dopo la clamorosa decisione di Bruce Springsteen di non esibirsi in North Carolina per protestare con la discussa legge HB2 Public Facilities Privacy and Security Act, che impone ai cittadini transgender dello stato americano di utilizzare i bagni pubblici basandosi sul genere riportato sul certificato di nascita e non su quello attuale, anche Bryan Adams e Ringo Starr hanno cancellato i loro rispettivi concerti.

“Mi dispiace deludere i miei fan nella zona - ha dichiarato l’ex batterista dei Beatles- ma abbiamo bisogno di prendere posizione contro questo odio". Starr ha ricordato nel suo comunicato due canzoni che hanno ispirato il suo gesto: Let's work together dei Canned Heat e  l’iconica All you need is love dei Beatles, inno universale di amore e di fratellanza.

Di diverso avviso è stata Cyndi Lauper, da sempre attiva sostenitrice delle rivendicazioni della comunità LGBT, che ha confermato il suo concerto del 4 giugno a Raleigh, spiegando:  "Credo che il modo migliore per fare la mia parte sia quella di trasformare il mio show in un'intera giornata dedicata alla sensibilizzazione dell'opinione pubblica sull'abrogazione della HB2. Ovunque c’è esclusione, ovunque ci sono persone gente che non accettano altre persone, quest’ultime hanno bisogno di te".

La cantante, che si esibirà quest’estate in Italia, è stata da poco insignita di una stella sulla prestigiosa Walk of Fame di Los Angeles e pubblicherà il 6 maggio il suo nuovo album Detour, suggestiva escursione nel country con duetti insieme a Dolly Parton,Willie Nelson, Alison Krauss e Vince Gill.

 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Cyndi Lauper live a Roma e Torino: le 10 canzoni più belle

Nel suo Greatest Hits Tour i successi di oltre 30 anni di carriera, ma anche alcuni brani blues e country

Bruce Springsteen verso Roma e Milano: la scaletta di Portland

Il concerto al Circo Massimo, oltre ai Counting Crows, si arricchisce del live della Treves Blues Band

Commenti