Gabriele Antonucci

-

Dopo il tour americano, l'attesissimo The Rhapsody Tour dei Queen + Adam Lambert atterra in Europa. La prima tappa è in Italia, domenica 24 Maggio 2020, all'Unipol Arena di Casalecchio di Reno (Bologna).

I biglietti, rigorosamente nominali come da politica ormai collaudata di Barley Arts, sono disponibili sui canali ufficiali Vivaticket Italia, Ticketmaster Italia e TicketOne dalle 10 di oggi, 25 settembre.

Il brand Queen è ancora oggi uno dei più forti e più amati dagli appassionati del rock, come confermano i concerti sold out in tutto il mondo, il musical campione d’incassi We will rock you e il film Bohemian Rhapsody, che ha vinto 4 Oscar.

Il trionfo di "Bohemian Rhapsody"

Bohemian Rhapsody è diventato il biopic musicale che ha incassato di più nella storia del cinema con oltre 900 milioni di dollari, superando Straight Outta Compton, il lungometraggio sulla storia dei N.W.A, il più influente gruppo gangsta rap americano.

Come tutte le opere di grande successo, anche il film Bohemian Rhapsody ha diviso in due il pubblico.

Gli scettici, soprattuto i cinefili più integralisti, ne criticano alcune inesattezze biografiche e un certo didascalismo di fondo.

I favorevoli (tra cui noi) ne hanno apprezzato la straordinaria interpretazione di Rami Malek nei panni di Freddie Mercury e le emozionanti performance musicali, tra cui l'indimenticabile esibizione dei Queen al Live Aid del 1985.

La canzone più ascoltata tra quelle composte nel XX secolo

Spinta dal successo del film, Bohemian Rhapsody, con oltre 1,6 miliardi di ascolti sulle varie piattaforme streaming (Spotify, Apple Music, Deezer, Google Play, Tidal e YouTube), è diventata la canzone più ascoltata in assoluto tra quelle composte nel XX secolo, scalzando dal podio Smells Like Teen Spirit dei Nirvana e Sweet Child O'Mine dei Guns N' Roses.

Il leggendario brano della Regina, vertice artistico del capolavoro A Night At The Opera del 1975, è considerata una delle migliori canzoni rock di sempre per la singolare commistione tra ballad, hard rock e opera.

Il ritorno ai concerti nel 2005

Dopo la tragica morte di Freddie Mercury del 24 novembre 1991, il 2005 ha segnato il ritorno della band inglese dal vivo e in studio con Paul Rodgers (Free, Bad Company), la cui potente voce blues, però, mal si adattava ai brani più glam del gruppo.

Dal 2009 i Queen, band da 400 milioni di dischi venduti che oggi è rappresentata dalla magica chitarra di Brian May e dalla batteria metronomica di Roger Taylor, hanno come ospite fisso dei loro show Adam Lambert, chiamato al proibitivo compito di non far rimpiangere l’ugola d’oro di Freddie Mercury.

Alla prova dei fatti, Lambert se l’è cavata egregiamente, grazie alla perfetta padronanza di una vasta gamma di tonalità, in particolare quelle più acute.

Dopo essere apparso insieme ai Queen nella finale dell’edizione 2009 di American Idol e, in seguito, averli accompagnati in una performance agli MTV Europe Music Awards, Adam Lambert si è imbarcato con loro in una lunga serie di concerti e apparizioni televisive, oltre a un tour sold out in USA al termine del quale i Queen + Adam Lambert hanno conquistato il titolo di "Band of the Year" all’annuale premio Classic Rock Roll of Honour, oltre ad essere stati votati dai lettori di Ultimate Classic Rock come Best live band of the year.

La storica band, orfana di Freddie Mercury da quasi 28 anni, ha da poco concluso il tour estivo in Nord America con Adam Lambert ancora una volta nel ruolo di "guest vocalist".

Il batterista e co-fondatore Roger Taylor ha voluto ribadire che il nuovo tour «sarà qualcosa di completamente diverso dallo show che abbiamo presentato negli scorsi anni. La produzione è cambiata davvero tanto, la tecnologia ha davvero fatto passi da gigante. Va detto però che non siamo una band che pigia un bottone per suonare. È tutto live al 100%. Stiamo programmando di fare cose che non abbiamo mai fatto prima, o che non facciamo da molto tempo. Abbiamo iniziato come una band da studio, questo è ciò che eravamo. Il successo dei nostri brani è stato un effetto secondario.»

Il chitarrista Brian May conferma che i nuovi show dei Queen saranno ancora più ricchi e ambiziosi: «Il pubblico conosce le hit, quindi dobbiamo soddisfarlo», dice, «ma possiamo aggiungere qualcosa che la gente davvero non si aspetta. Lo faremo un po’ di più stavolta. Ci sono un sacco di mondi in Adam, che ovviamente si adattano alla nostra musica. Si può scatenare e fare rock in maniera molto energica, ha mille sfaccettature tutte da scoprire.»

Adam Lambert raccoglie la sfida di scavare più a fondo nel repertorio dei classici della band. «Ciò che le persone dovevano sapere prima di venire ad uno dei nostri concerti un paio di anni fa era sicuramente che avremmo suonato ancora le grandi hit dei Queen che tutti conoscono e amano, ma abbiamo pensato che avremmo potuto rimetterci in gioco», spiega, «Cambiare un po’, aggiornare i visual, sfruttare le nuove tecnologie, variare la scaletta. Probabilmente inseriremo qualche altra canzone della ricca discografia dei Queen che non abbiamo mai eseguito, e ne sono davvero entusiasta».

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Freddie Mercury, Never Boring: il boxset definitivo della sua musica senza i Queen

Dall'11 ottobre il cofanetto con la produzione solista del frontman: da Barcelona a I was born to love you

Commenti