Ligabue alla conquista dell'America

Non solo Liga: tutti i successi degli italiani da esportazione

Ligabue

Ligabue – Credits: Uff. stampa - Chico De Luigi

Gabriele Antonucci

-

Il titolo dell’ultimo album di Ligabue, Mondovisione, è stato profetico. Il rocker di Correggio sbarcherà per la prima volta in America a ottobre, dove lo attendono cinque concerti fra Stati Uniti  e Canada. Ligabue sarà accompagnato sul palco dai suoi fedelissimi musicisti Federico "Fede" Poggipollini e Niccolò Bossini alle chitarre, Luciano Luisi alle tastiere e programmazioni, Michael Urbano alla batteria e Davide Pezzin al basso. La mini tournée Mondovisione Tour - Mondo 2014 farà tappa il 18 ottobre a Toronto, il 19 a New York, il 22 a Los Angeles, il 24 a San Franciso, per concludersi il 26 ottobre a Miami.

C’è molta curiosità sull’accoglienza che riceverà il Liga dall’ esigente pubblico americano, che negli anni scorsi ha accolto con tutti gli onori alcuni nostri artisti da esportazione. Vediamo quali sono i 10 artisti italiani che hanno avuto più successo negli Usa.

1) Andrea Bocelli: L’esibizione di Andrea Bocelli al Central Park di New York del 15 settembre 2011 è stata probabilmente il più grande successo di sempre di un nostro artista in America. Nonostante la pioggia che ha bagnato l’inizio dello show, il concerto-evento è stato un trionfo, con oltre settantamila spettatori. Sul palco, insieme al tenore toscano, anche star internazionali della lirica e del pop, da Celine Dion a Tony Bennett, dal baritono gallese Bryn Terfel al produttore e musicista David Foster, dal trombettista Chris Botti al soprano Ana María Martínez. Per l’occasione Bocelli è stato accompagnato dalla New York Philarmonic Orchestra diretta da Alan Gilbert. “Quello di suonare nella Grande Mela rappresenta il sogno di mio padre – ha spiegato Bocelli- che mi diceva sempre: ‘devi andare a cantare in America, in particolare a New York”.

2) Zucchero: “Ha una voce sexy come un whisky invecchiato in una botte di quercia. Ha i capelli da leone e un’anima da poeta”. Così il frontman degli U2 Bono Vox descrive Zucchero, il nostro cantautore più internazionale. Chi altri, infatti, può vantare collaborazioni con Miles Davis, Eric Clapton, Bono Vox, Sting, Queen, B.B.King e Tom Jones? Questa primavera Zucchero ha attraversato in lungo e largo il Nord America nel tour Americana, con dodici date in Canada e quaranta concerti negli Usa, esibendosi anche in posti dove difficilmente un artista italiano si avventura. “Desidero vedere e capire la reazione del pubblico americano che sa qualcosa di me, ma non mi ha mai visto dal vivo. E’ una vera sfida”, ha dichiarato Zucchero.

3) Laura Pausini: Da tempo Laura Pausini è una diva in America Latina, ma quest’anno ha superato a pieni voti anche la prova del nove di un tour negli Stati Uniti. Il tour mondiale celebrativo della sua carriera ventennale ha fatto tappa il 2 marzo presso il James L. Knight Center di Miami e il 6 marzo al leggendario Madison Square Garden di New York. Qui Laura si è esibita con l'amico Biagio Antonacci, mentre in platea li applaudiva Jovanotti, duettando anche con Miguel Bosè, Gloria Estefan, Il Volo e Ivete Sangalo. Il duetto tra Pausini ed Antonacci, dal cui connubio artistico sono nati i brani Vivimi e Tra te e il mare firmati dal cantautore per l'amica, è stato uno dei momenti più applauditi del concerto.

4) Luciano Pavarotti: Il 17 febbraio 1972 il Colosso del palcoscenico, soprannome di Luciano Pavarotti, conquistò l’America con un concerto al Metropolitan Opera di New York. La sua interpretazione ne La figlia del reggimento mandò in delirio il pubblico, che applaudì chiedendo per diciassette volte l’apertura del sipario. Dal 1992 Big Luciano, grazie alla bella iniziativa benefica Pavarotti & Friends, si è fatto conoscere in tutto il mondo anche per i suoi duetti con le star internazionali del pop e del rock. Un tradizione che si è spezzata il 6 settembre del 2007, il giorno della sua morte.

5) Eros Ramazzotti: Nel 1990 il discografico americano Clive Davis, conquistato dal talento di Eros, gli consiglia di tenere un concerto al Radio City Music Hall di New York. Ramazzotti è il primo artista italiano a esibirsi su quel prestigioso palcoscenico. Una prova da far tremare i polsi a chiunque, ma il cantante romano la supera a pieni voti, con un lusinghiero sold out e con una standing ovation finale, che ha fatto assumere a Eros la consapevolezza di avere le qualità necessarie per avere successo anche al di fuori dei confini italiani. Oggi Ramazzotti è il cantante italiano più amato in Sud America, forte dei cinquantacinque milioni di dischi venduti in carriera.

6) Al Bano e Romina Power: Dopo il concerto-evento di Mosca dell’ottobre del 2013, che ha sancito la loro ritrovata intesa professionale, Al Bano e Romina si sono esibiti in primavera in cinque concerti sold out nel Nord America: due date ad Atlantic City, una a Montreal e due date alle Cascate del Niagara. I due cantanti hanno scherzato tra loro, dimostrando che le incomprensioni e i litigi sono ormai un ricordo del passato, regalando al pubblico due ore di concerto in cui hanno interpretato venti successi del loro ricco repertorio. Tanti applausi e felicità, sopra e sotto il palco.

7) Jovanotti: La promozione dal vivo di Italia 1988-2012, il best of di Jovanotti realizzato dalla ATO Records, l'etichetta fondata da Dave Matthews, ha fornito all’eclettico Lorenzo Cherubini l’occasione di esibirsi nell’agosto del 2012 in cinque concerti tra Usa e Canada, con tappe  a San Francisco,Los Angeles, Vancounver, Seattle e Portland. Non un semplice toccata e fuga, dato che Jovanotti si è trasferito per alcuni mesi a New York con la famiglia. “Considero New York una specie di specchio dei miei sentimenti più profondi –ha dichiarato Lorenzo- anche se sono nato a 8.000 chilometri dalle rive dell’Hudson. In questa città riesco a trovare ogni parte del mondo che amo”.

8) Il Volo: Il trio vocale  formato dai giovani Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble, di età compresa dai diciannove ai ventuno anni, ha conquistato in pochi anni  il Nord e il Sud America, dove sono star in grado di richiamare migliaia di persone ad ogni concerto.  Il Volo reinterpreta in chiave opera-pop grandi classici  della nostra tradizione  musicale e non solo, arrivando ad accompagnare Barbara Streisand in occasione del trionfale tour americano del 2012.

9) Toto Cutugno: L’italiano è una delle nostre canzoni più conosciute all’estero, così come il suo interprete Toto Cutugno, che da anni tiene affollatissimi concerti nell’Est Europa, dove viene spesso traslitterato in “Kutunio”. A settantuno anni il cantautore nativo di Fosdinovo è il simbolo della melodia italiana da esportazione, come confermato dal successo del suo affollato concerto del 2013 ad Atlantic City. Sempre fedele allo slogan"lasciatemi cantare con la chitarra in mano, lasciatemi cantare, sono un italiano".

10) Tiziano Ferro: Ferro, insieme a Laura Pausini ed Eros Ramazzotti, è uno dei nostri cantanti più amati fuori dall'Italia, specie nei paesi latinoamericani, dove i suoi album vengono distribuiti nella versione speciale in spagnolo. Un successo planetario, che non  sembra aver montato la testa a Tiziano, ragazzo timido e modesto, che ha dichiarato: «Ho iniziato otto anni fa a cantare in piccoli club semivuoti ma non mi sono scoraggiato, ho lavorato tanto e adesso mi godo gli stadi pieni, che sono più uno stimolo a fare meglio che non una vittoria personale». Il tour Alla mia età del 2009 lo ha visto protagonista per la prima volta di un tour in Nord America, con due concerti in Canada, a Toronto e Montreal, e negli Usa, a Mashantucket e Atlantic City.

© Riproduzione Riservata

Commenti