Enzo Jannacci, addio al re in scarpe da tennis - Foto

Gremitissima la basilica di Sant'Ambrogio di Milano per il suo funerale. Salutiamo il musicista scanzonato in immagini: dagli esordi con Cochi e Renato al cinema di Castellitto, i duetti con la Vanoni e le sue "scarpe da tennis"

Rita Fenini

-
 

"Si potrebbe andare tutti al tuo funerale, cantavi tanti anni fa. Ebbene. Ora ci siamo al tuo funerale. E siamo in tanti". Queste le parole di Don Roberto Davanzo, che ha celebrato nel pomeriggio di oggi l'omelia funebre per Enzo Jannacci .

Gremitissima la basilica di Sant'Ambrogio. Vip e gente comune. La Milano che ha amato Enzo e che Enzo ha amato. Ironico, graffiante, irriverente , scanzonato, poeta, musicista. Medico. E uomo di grande spessore umano. Milano lo saluta in silenzio, commossa, senza fronzoli ed esagerazioni.

Noi lo salutiamo con una gallery fotografica in suo onore. Rimarranno con tutti noi le sue canzoni. Grazie Enzo.

© Riproduzione Riservata

Commenti