Musica

Emilio Stella, "Un cane": il mio video dedicato all'uomo senza umanità

Racconta il cantautore romano: "Questo brano è nato guardando negli occhi Oliver, il meticcio che ho trovato per strada"

IMG-20150602-WA002

Gianni Poglio

-

"Questo brano è nato guardando gli occhi del meticcio, Oliver, che ho trovato sulla strada. Da quella sera d'estate, che l'ho portato via con me, ho iniziato ad immaginare quale fosse la sua storia, così ho provato a dare voce a lui, come a tutti quei cani che hanno una storia simile ma non possono raccontarla".

Parola di Emilio Stella, cantautore romano, un mix ben riuscito tra la poetica di Rino Gaetano e quella di Pier Paolo Pasolini. La sua ultima creazione è Un cane, prodotto da Simone Cristicchi, Francesco e Barbara Migliacci per Dueffel Music e Numero Due (arrangiamenti a cura di Michele Ranieri).

"Mentre scrivevo il pezzo avevo Oliver al mio fianco. Lo guardavo e la fantasia viaggiava di pari passo. Il messaggio è: l'uomo che abbandona è un uomo senza umanità. Mi spaventa chi ha il coraggio di abbandonare un cane. Ho usato per il video il linguaggio dei fumetti (di Marco Scalia; ndr), che è un linguaggio trasversale per cercare di arrivare a tutti: dal bambino all'anziano".

Sotto, il video diretto da Gabriella Vaghini

© Riproduzione Riservata

Commenti