Gabriele Antonucci

-

Da qualche anno non è più necessario recarsi in una chiesa di Harlem per godere dal vivo la magia di un affiatato coro gospel.

La musica dell’anima, nata negli Stati Uniti all’inizio degli anni Venti, ha contagiato da qualche tempo anche l’Italia, soprattutto durante il periodo natalizio.

Pur lontano anni luce dalla tradizione melodica italiana, il gospel è riuscito a imporsi anche nel nostro paese grazie all’universalità del suo messaggio, basato sulla recita di salmi da parte del coro a cui fa da contraltare la voce solista, e alla sua proverbiale energia.

Da oggi fino a Capodanno, sono numerose le formazioni gospel americane che si esibiranno in Italia. Ne abbiamo scelte dieci, per accostarsi alla magia di questa musica ricca di spiritualità quanto di energia.

Deborah Moncrief e Millennium Gospel Singers (20 dicembre, Basilica dei Santi Medici, Alberobello)

Ad Alberobello la magia delle feste natalizie arriva il 20 dicembre con l'esibizione di Deborah Moncrief & Millennium Gospel Singers organizzata da Bass Culture nell'ambito dell'Unesco Jazz Festival. Nato nel 2000 per festeggiare il Nuovo Millennio, il gruppo Deborah Moncrief & Millennium Gospel Singers ha all'attivo centinaia di concerti in tutta Europa. Formato dal Reverendo Keith Moncrief, già creatore e leader di gruppi di fama mondiale, il gruppo presenterà al pubblico del paese dei trulli arrangiamenti moderni del gospel contemporaneo senza tralasciare i temi tradizionali nelle versioni più amate dal grande pubblico, in un blend di musica coinvolgente ed emozionante che arriverà diritto al cuore dell'ascoltatore coinvolto in un dialogo interattivo sin dai primi brani. L'ingresso al concerto nella Basilica dei Santi Medici sarà gratuito.

The Charleston Gospel Singer (20 dicembre, Chiesa di San Francesco a Pagliera di Lainate (MI)

La formazione, composta da sette elementi, unisce gli artisti gospel Mildred Daniels, voce di The Songbird, e Tony Washington, dallo stile gospel e r&b. In scaletta per lo spettacolo un repertorio che attinge alla tradizione musicale della Carolina del Sud, ma valorizza anche i suoni contemporanei. L'evento, a ingresso gratuito, è organizzato dall'Amministrazione comunale e dall'Assessorato alla Cultura di Lainate (MI).

Emmanuel Djob by The Gospel River (21, 22, 23 dicembre, Auditorium Parco della Musica, Roma)

Emmanuel Djob è una delle figure più interessanti della scena black del nuovo decennio. Di origine camerunense, naturalizzato francese, Emmanuel Djob entra a pieno titolo fra le migliori voci soul/gospel europee come rivelazione e vincitore dell’edizione francese di “The Voice”. Il suo talento e il suo legame con il gospel americano hanno letteralmente entusiasmato pubblico e giudici. La sua voce, caratterizzata da forti colori riconducibili alla tradizione africana, sprigiona un’arcana energia creativa. Emmanuel Djob è anche un prolifico autore; le sue opere sono connotate da un profondo sentimento mistico legato a episodi autobiografici espressi attraverso testi profondi e originali. La sua musica è un efficace mix di soul, gospel e ritmiche africane, impreziosita dall'arrangiamento delle voci maschili e femminili che ruotano attorno al band leader, sprigionano una carica contagiosa.

Pastor Ron Gospel Show (21 dicembre, Teatro Nuovo, Milano)

Dopo aver incantato il pubblico di tutta Italia, arriva al Teatro Nuovo di Milano la musica travolgente del Pastor Ron Gospel Show. Il gruppo, che ha debuttato in Italia nel 2010 riscuotendo un clamoroso successo di pubblico e critica, arriva sul palco del teatro di Piazza San Babila il 21 dicembre alle 20.45. Lo spettacolo vede come protagonista Pastor Ronald Hubbard, una delle figure più conosciute e carismatiche nel panorama gospel internazionale, che ha saputo incantare anche il pubblico italiano con la sua strabordante personalità. Accanto al Pastore Ron altri sei artisti fra cantanti e gandi voci potenti e vellutate in pieno di stile black. Due ore di musica gospe, in cui si inseriscono elementi di comicità e umorismo, che trascineranno lo spettatore in un vortice di sano divertimento.

Eric B. Turner & The Harlem Voice (24 dicembre, Teatro Nuovo, Milano)

Il 24 dicembre, il Teatro Nuovo ha in programma, per terzo anno consecutivo, il Christmas Gospel. The Harlem Voice con il suo carismatico leader il Pastore Eric B. Turner, perfomer piuttosto noto a Broadway oltre che componente dell'attuale formazione dei Temptations. Parlare di Gospel, però, è riduttivo. Gli Harlem Voice amano dilatare i confini del genere gospel e creare melodie dinamiche arricchite di armonie che portano l’ascoltatore ad assaggiare colori r’n’b, soul e funky. Quello della vigilia di Natale non sarà solo un concerto ma un vero e proprio show in cui musica e canti si mescolano a coinvolgenti coreografie grazie ai sette elementi, cinque voci e una sezione ritmica costituita da tastiera,basso e batteria. Tutti i membri degli THV hanno almeno venti anni di esperienza nel mondo della live music, hanno cantato e suonato nei più prestigiosi gruppi gospel, soul e rock (Mariah Carey, Yolanda Adams, Fantasia, Shakira, Ronda Ross, U2, solo per citarne alcuni) e Eric B. Turner è anche conosciuto come attore e musicista in diversi musical di broadway, film e serie televisive. Il pastore ha cantato con Mariah Carey, Anthony Hamilton, Anita Baker, Chaka Khan e Michael McDonald.

Benedict Gospel Choir (21 dicembre, Teatro Ariston, Sanremo; 23 dicembre Varese, Teatro Openjobmetis; 25 dicembre h 18, Auditorium Parco della Musica, Roma; 31 dicembre -1 gennaio Orvieto, Umbria Jazz Winter)

Il Benedict Gospel Choir from South Carolina è un gruppo dinamico ed energico composto da 35 elementi; creato e diretto dal reverendo Darryl Izzard, è diventato un'icona d’eccellenza tra i maggiori esponenti del gospel negli Usa. Vincitore di cinque delle sette edizioni del prestigioso concorso "Black Music Caucus Gospel Choir" di New York, il Benedict Gospel Choir attinge ai generi più diversi, mescolando gospel, spirituals, blues, reggae e musica africana tradizionale. Si è esibito al fianco di moltissimi artisti di fama mondiale tra cui: Madame Tramaine Hawkins, Pastor Shirley Caesar, Donald Lawrence del Tri-City Singers, Ricky Dillard della New Generation Chorale of Chicago, Norman Hutchins di Los Angeles, California e il Late Ministro O'landa Draper e le Associazioni di Memphis, Tennessee ed ha partecipato ad importanti eventi come il Concerto di Natale in Vaticano 2000, trasmesso in mondovisione ed il Concerto di Natale a Montecarlo. A livello internazionale il coro vanta una estesa tournée in Africa occidentale, e Sud America. Più di recente, è stato ospite del Principe e della Principessa di Monaco. Il gruppo è stato visto e ascoltato da milioni di persone attraverso performance televisive e radiofoniche in tutto il mondo. Il premiato Benedict College Gospel Choir è stato classificato come il numero uno tra i cori gospel degli Stati Uniti da più di un decennio, raccogliendo importanti riconoscimenti sia da parte del National Black Music Caucus di New York che dalla National Hall of Fame HBCU.

Cedric Shannon Rives & Brothers in Gospel (25-29 dicembre, Alghero, Carbonia, Cuglieri, Sassari e Serramanna)

La rassegna itinerante Gospel explosion, organizzata dall’associazione culturale ‘Progetto evoluzione’, porterà in Sardegna, dal 25 al 29 dicembre, lo spirito e il calore del gospel. Protagonisti Cedric Shannon Rives & Brothers in Gospel, formazione in arrivo da Saint Louis (Missouri) ad Alghero, Carbonia, Cuglieri, Sassari e Serramanna. La serie di cinque concerti di Cedric Shannon Rives & Brothers in Gospel prenderà il via il giorno di Natale, lunedì 25 dicembre, alle 19 al Teatro centrale di Carbonia. L’ensemble originario del Missouri è stato fondato dal cantante e direttore musicale Cedric Shannon Rives, talento cristallino che fin da giovanissimo ha iniziato a cimentarsi con la musica padroneggiando con grazia e facilità le arti del musical e della recitazione. Con quattro album all’attivo e decine di migliaia di dischi venduti in tutto il mondo, l’artista statunitense si presenterà sul palcoscenico affiancato dalle voci di Christopher Ifill, Joel T. Lester e Travis Tailor, con Heyward Matthews al pianoforte e alle tastiere e Chance Harper alla batteria. Il repertorio spazierà tra modernità e tradizione con le immancabili pietre miliari del genere e brani originali dello stesso Cedric Shannon Rives, molti dei quali ripresi da alcuni tra i più importanti artisti gospel contemporanei, come The Anointed Pace Sisters, Darwin Hobbs e DeWayne Woods.

Ananias "Markey" Montague & Salem Baptist Mass Choir (26, 27 e 28 dicembre, Auditorium Parco della Musica, Roma)

Ananias "Markey" Montague è un compositore, regista e insegnante di musica gospel. Attualmente è il ministro di Musica e Belle Arti per la Chiesa Battista di Salem a Omaha, Nebraska di cui è direttore musicale del coro. Markey dopo anni in tour sia negli USA che in Italia ed Europa , miscela sapientemente musiche tradizionali e gospel contemporaneo. Il suo talento, sia come compositore che come interprete e solista, gli ha dato l'opportunità di collaborare con diversi artisti di rilievo del panorama gospel internazionale come Lamar Campbell, Rodnie Bryant, Kim McFarland, Vickie Winans e Richard Smallwood, Kirk Carr, Byron Cage ed il prestigioso Mississippi Mass Choir. Virtuoso del pianoforte e dotato di una “vena compositiva” giovane e fresca ha realizzato più di 20 lavori discografici sia come solista che come ospite in progetti altrui. Recentemente con il brano “Osannah” ha raggiunto la vetta delle classifiche USA nel circuito Gospel/Spiritual. Dopo il suo ultimo tour europeo del 2015 in formazione a sestetto, Markey Montague ritorna ora in tourneè in Italia con una line up a 10 elementi corredata di sezione ritmica del Salem Baptist Churh Mass Choir di Omaha in Nebraska.

Harlem Gospel Choir (29, 30 e 31 dicembre, Auditorium Parco della Musica, Roma)

Gli Harlem Gospel Choir sono il piu' famoso coro gospel d'America, nonche' uno dei piu' longevi. Dal 1986, Allen Bailey e il suo coro, formato dalle più belle voci di Harlem e New York City, gira il mondo condividendo la gioia nella Fede e raccogliendo fondi da devolvere in opere di bene.In oltre 25 anni di grandiosa carriera gli Harlem Gospel Choir hanno sempre cercato di oltrepassare barriere culturali unendo nazioni e persone. Allan Bailey ha oltre 30 anni di esperienza nell’industria musicale, apprezzato per il suo lavoro con i Commodores, Michael Jackson e Prince. La notorietà dell’Harlem Gospel Choir è legata principalmente alle numerose collaborazioni con artisti internazionali come: Andre Rieu, Diana Ross, Bono, The Chieftains, Simple Minds, Live, Sinead O’Connor e i Gorillaz. Il repertorio comprende gospel tradizionali e contemporanei, jazz e blues. La partecipazione del pubblico è parte integrante di ogni show del coro. Il tema di ogni esibizione è “mettere i popoli e le nazioni insieme, restituendo loro qualcosa”. Attraverso la sua musica il coro spera di creare una migliore comprensione della cultura afro-americana e di quella musica così ispirata che è quella del Gospel. Il Coro ha cantato per la Famiglia Reale, il Presidente Obama, Nelson Mandela, Elton John, due Papi e all'International broadcast memorial per Michael Jackson.

Angels of Harlem Gospel Choir (26-31 dicembre, Blue Note, Milano)

Il coro, uno dei più importanti al mondo è formato da alcuni dei migliori cantanti e musicisti delle numerose Black Church in Harlem. Gli Angels in Harlem Gospel Choir si sono dedicati a creare una maggiore comprensione della cultura afro-americana e della musica ispirata chiamata Gospel così come si suona nella Black Church. Il tema di ogni performance è unire le persone e le nazioni e restituire loro qualcosa. Gli U2 li hanno ribattezzati “Angels in Harlem” in apprezzamento all’interpretazione magnifica di “I Still Haven’t Found What I’m Looking For” che hanno inciso insieme nel 1988. Da allora gli “Angels of Harlem” Gospel Choir hanno fatto tour nazionali ed internazionali. Hanno ben meritato, grazie al loro autentico spirito gospel di gioia, la fama di essere gli “Angelic Ambassadors of Harlem”.

© Riproduzione Riservata

Commenti