Sotto il vestito, Donatella

Versace sono io. Ansie, insicurezze, lutti, successi e rinascite della stilista che per la prima volta la stilista racconta tutto di sé. La storia di copertina di "Panorama" in edicola il 14 giugno 2018

copertina Panorama 26/2018

– Credits: Panorama

La copertina di Panorama è tutta per Donatella Versace, che in questa lunga e bellissima intervista si racconta e si confida, con grande sincerità. Racconta di quando, la minore di tre figli maschi, a 11 anni si fece bionda con l’aiuto del fratello Gianni, e da allora non ha mai smesso di tingersi. Di quando entrava di nascosto nelle discoteche, perché non aveva né i soldi né l’età. Dei suoi inizi, insieme al famoso fratello, nella sartoria di famiglia, dove ha cucito a 12 anni, per la prima volta, una minigonna gialla di vernice con la quale andava sempre in giro. A quando, dopo la morte improvvisa di Gianni Versace, non ha avuto neanche il tempo di piangerlo perché c’era da lavorare, tanto, subito, da sola. Racconta del suo dolore, delle sue sfide, delle sue battaglie, delle sue sconfitte e delle sue vittorie. Della figlia Allegra, una millennial che la aiuta a capire il nuovo. Della sua timidezza che ogni volta deve combattere per apparire sempre forte e sempre in controllo. E ogni volta ce la fa.

CENTRI PER L'IMPIEGO

Si parla tanto, oggi, dei «centri per l’impiego», che dovrebbero trovare un lavoro a chi non ce l’ha o lo ha perso. I grillini ne vorrebbero fare lo strumento decisivo per concedere il reddito di cittadinanza. Forse non ne hanno mai visitato uno. Noi lo abbiano fatto. Panorama è andato a Napoli, in uno dei presidi più rappresentativi contro la disoccupazione: appuntamenti annullati all’ultimo momento. Inviti ad andarsene. Fino all’arrivo dei carabinieri...

PERSONAGGI: GIULIA BONGIORNO

Abbiamo scelto Giulia Bongiorno, avvocato, 52 anni, nota per aver difeso, tra i tanti suoi clienti, Roberto Sollecito e Giulio Andreotti. Abituata a vincere, ora affronta la sfida più dura: da neo ministro della Pubblica Amministrazione (un ministro né tecnico né politico peraltro), deve far funzionare la macchina dello Stato. Lei già studia i dossier, con cura maniacale. Perché, come dicono i suoi nemici, è una donna determinata fino al cinismo. Ma non è detto che sia un difetto...

INCHIESTA: L'ULTIMA TRANSUMANZA

Siamo andati in Molise a seguire, dal vivo, l’ultima transumanza: in compagnia di 300 bovini di razza podolica e maremmana, ci siamo messi in viaggio con la famiglia Colantuono, l’unica azienda a tenere in vita in Italia l’antico rito della transumanza, una tradizione vecchia di secoli. Abbiamo attraversato sentieri, strade e ferrovie, ci siamo fermati a riposare nei campi. Un lungo viaggio on the road d’altri tempi, al seguito degli allevatori guidati da una donna e con uno scombinato gruppo di appassionati.

© Riproduzione Riservata

Commenti