Magazine

Italiani e dieta: un business da oltre 500 miliardi

Un italiano su quattro segue consigli per dimagrire e nuovi guru dell'alimentazione spuntano in continuazione. E la fissazione per la linea conquista il mondo

Panorama 18

Dietomania, un business da 500 miliardi
Insoddisfatti del nostro corpo, smaniosi di dimagrire, insicuri su come farlo. Dubbi e desideri sui quali fiorisce un settore che vale oltre 500 miliardi di euro in tutto il mondo. Per questo Panorama dedica alle diete la copertina del numero in edicola da giovedì 28 aprile: raccontando nei dettagli e in tutte le sue novità un business fatto di regimi alimentari sempre diversi, di libri di nutrizionisti (e non), di ricette inedite, di integratori ad hoc. Anche se il vero ingrediente da eliminare, dicono gli esperti, è proprio l’ossessione del peso.

Le omissioni del candidato Beppe Sala
Impreciso (e in grave ritardo) sui veri conti di Expo. Confuso sulle sue proprietà nelle dichiarazioni patrimoniali. Smemorato sulle ville che possiede in Liguria e in Svizzera, e sui compensi dell’archistar che lavorava in parallelo per l’Esposizione universale. Panorama indaga tra le omissioni e le bugie di Giuseppe Sala, candidato sindaco a Milano del centrosinistra. Che ora ha qualche problema. Anche di consenso.

Scuola, lezioni dal futuro
Aule che favoriscono il lavoro di gruppo. Laboratori hi-tech. Video da riversare su YouTube... Pur se alle prese con riforme caotiche e fondi insufficienti, presidi e professori si inventano modi nuovissimi di insegnare. Anche con l’aiuto dei cinesi. Da Milano a Perugia, Panorama è andato a vedere come, in alcuni istituti all'avanguardia, si sta rinnovando la scuola italiana. Grazie anche allo spirito innovativo dei dirigenti e del corpo docente.

Nada: "La musica brucia troppo velocemente" 
"Ho sempre fatto tutto senza calcoli" dice Nada Malanima, la grande interprete della canzone italiana, in un’intervista a Panorama a metà di una stagione creativa ricchissima, fatta di un nuovo album, un romanzo e un tour che la vede anche al concerto del primo maggio. Come vede Nada la musica leggera in Italia? "Si brucia tutto troppo velocemente. Non c'è tempo per inventare davvero qualcosa di nuovo".

© Riproduzione Riservata

Commenti