15 album 1971
Ansa, Keith Richards dei Rolling Stones
15 album 1971
Musica

1971-2021: dodici album indimenticabili usciti 50 anni fa

Da Sticky Fingers degli Stones a Blue di Joni Mitchell passando per What's Going On di Marvin Gaye, Meddle dei Pink Floyd ed il leggendario Concerto Grosso dei New Trolls

Un anno straordinario per la musica: questo è stato il 1971, dodici mesi segnati da uscite discografiche italiane ed internazionali di altissima qualità, la fotografia nitida ed esplicita di un momento irripetibile, della golden age che la musica stava vivendo in ogni ambito sonoro. I 33 giri che abbiamo selezionato sono opere immortali, dischi destinati a lasciare un segno indelebile, ancora ascoltati e venerati da milioni di appassionati. Punti di riferimento essenziali per comprendere la musica di ieri, di oggi e anche di domani.

Rolling Stones - Sticky Fingers

Brown Sugar Wild Horses, Bitch, Sister Morphine: il primo album degli Stones nella decade 70's è un classico senza tempo. Per la musica e anche per la leggendaria copertina realizzata da Andy Warhol. Il testo di Sister Morphine è opera dell'ex fidanzata di Mick Jagger, Marianne Faithfull. La canzone stata pubblicata su singolo dalla stessa Faithfull nel 1969, ma la crudezza del testo aveva suscitato polemiche e il brano era stato censurato dalle radio

Isaac Hayes - Shaft

Capolavoro soul funky e colonna sonora del film Shaft il detective. Il singolo Theme From Shaft ebbe un clamoroso successo mondiale debuttando al primo posto nella classifica di Billboard, conquistando anche due Grammy Award e un Oscar . L'intero album vinse un Grammy come migliore colonna sonora.

David Bowie - Hunky Dory

Il quarto album in studio di Bowie conquistò le classifiche molto tempo dopo la sua uscita sull'onda del successo di The Rise and Fall Of Ziggy Stardust. Detto questo, la tracklist del disco è costellata brani indimenticabili. Come Changes, Queen Bitch, Life on Mars? e Oh! You pretty thing.

Led Zeppelin - Led Zeppelin IV

Un album epocale che ad oggi ha superato i 40 milioni di copie vendute. Le canzoni presero forma nel dicembre del 1970 a Londra presso gli Island Studios di Basing Streets e vennero perfezionate quando il gruppo si spostò nella villa vittoriana di Headley Grange utilizzando lo studio mobile dei Rolling Stones. Non c'è altro da aggiungere perché il resto lo dicono i titoli delle canzoni: Rock'n'Roll, Stairway to Heaven, Black Dog, Going to California...

Marvin Gaye - What's Going On

Un capolavoro considerato una sorta di concept album che inaugura un nuovo corso nella storia della black music. Il disco affronta temi come la guerra del Vietnam, gli abusi di droghe e la povertà. Come l'ha definito Gabriele Antonucci su Panorama.it: "Un viaggio musicale di sovrumana bellezza tra jazz astratto e soul".

Pink Floyd - Meddle

In mancanza di un tema portante per il disco, la band iniziò a improvvisare in studio. Tra gli esperimenti, anche quello che prevedeva che ogni membro del gruppo suonasse su una traccia isolata senza sapere che cosa stessero suonando gli altri. Tra i brani che hanno lasciato il segno, l'incalzante One of these days, Fearless ed Echoes, una delle suite più geniali e visionarie della storia della musica, magistralmente riproposta durante le riprese di Live at Pompeii.

Joni Mitchell - Blue

Incensato dalla critica come uno dei dischi più influenti di sempre, Blue è un album geniale registrato dalla Mitchell negli A&M Studios di Hollywood. Con lei in sala d'incisione anche Stephen Stills e James Taylor. A caratterizzare il sound di Blue un dulcimer appalachiano suonato dalla cantautrice: uno strumento a corde pizzicate e sfregate con un archetto.

Janis Joplin - Pearl

Pearl è il secondo e ultimo album in studio di Janis. Si tratta di un 33 giri postumo uscito tre mesi dopo la morte della vocalist causata da un'overdose di eroina. Pearl ha debuttato al primo posto nella classifica Usa di Billboard. Uno dei brani più iconici del disco è Me and Bobby McGee, scritto da Kris Kristofferson e inciso dalla Joplin pochi giorni prima di morire.

Genesis - Nursery Crime

Il terzo epico album in studio della band inglese nella formazione classica con Peter Gabriel alla voce e Steve Hackett alla chitarra. Apre il disco un brano straordinario, The Musical Box. Il testo di Gabriel parla di una bambina di nome Cynthia che, mentre gioca a croquet, decapita con la sua mazza il compagno di giochi Henry.

New Trolls - Concerto Grosso

Un incontro magico tra band e orchestra con le musiche scritte da uno dei più grandi compositori del Novecento: Luis Bacalov. Il disco segna l'ingresso della band italiana nel mondo delle sonorità del progressive rock. Il lato A dell'album presenta Concerto grosso per i New Trolls suddiviso in quattro capitoli, i cui primi tre costituiscono il concerto vero e proprio, secondo la tipica tripartizione del concerto barocco.

Miles Davis - Live - Evil

Registrato in parte dal vivo e in parte in studio, Live-Evil è un classico 70's del genio di Alton, Illinois. Il disco (la parte live è stata catturata durante una performance al Cellar Door di Washington) cattura l'essenza del Miles Davis "elettrico". Tra gli ospiti dell'album, John McLaughlin alla chitarra, Keith Jarrett al piano e Jack DeJohnette alla batteria.

Jethro Tull - Aqualung

Il quarto disco della band di Ian Anderson, diventato un album cult grazie ad alcune canzoni che hanno lasciato il segno: dalla title track e Cross-Eyed Mary, fino a My God e Locomotive Breath. Il magazine Rolling Stone ha inserito il disco al numero 337 tra i cinquecento migliori album di sempre.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti