Proposta nell'ambito del Photofestival Milano 2015, ha inaugurato ieri alla Biblioteca Sormani di Milano la mostra Milanexpo: in esposizione, gli scatti del fotografo milanese Gianni Maffi che, a pochi mesi dall’apertura dell'Esposizione universale, ha documentato gli importanti mutamenti di carattere urbanistico e architettonico che nell'ultimo decennio hanno determinato la trasformazione della fisionomia di Milano. 

Gli scatti di Maffi mostrano il profondo mutamento del paesaggio urbano avvenuto in diverse aree e quartieri del centro e dell’hinterland milanese, figlio del radicale cambiamento della struttura economico-produttiva della città. Ci portano dallo storico quartiere della Bicocca, dove i lavori sono stati completati nel 2005, al nuovo quartiere Santa Giulia che ha stravolto il "borgo" operaio di Rogoredo; dall'area di Porta Nuova che, con i suoi palazzi a torre, ha conferito al profilo cittadino una nuova verticalità, al Portello, dove al posto degli scomparsi stabilimenti Alfa Romeo sorgono ora piazza Gino Valle, la più grande di Milano, e le vie dedicate ad Aldo Rossi e Ignazio Gardella, illustri architetti e designer del '900.

"Maffi propone una lettura molto rigorosa degli spazi e degli oggetti fotografati. Con la fotocamera in bolla riprende palazzi, strade, piazze, restituendoceli in immagini dove la presenza umana è scarsa e dove spesso si percepisce un senso di spaesamento, di smarrimento che viene accentuato dall'utilizzo del bianco e nero o di un colore molto desaturato."

Milanexpo
fotografie di Gianni Maffi
a cura di Roberto Mutti
21 maggio-16 giugno 2015
Biblioteca Centrale – Palazzo Sormani
Corso di Porta Vittoria 6, Milano

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti