Redazione

-

Milioni di persone, in India con alla testa il Primo ministro Narendra Modi e i 57 ministri del suo governo e in molte altre città di numerosi Paesi del mondo, hanno celebrato oggi la seconda edizione della Giornata internazionale dello yoga, inaugurata lo scorso anno dall'ONU (Qui l'edizione 2015).

Il premier Modi, vestito con maglietta bianca, pantaloni sportivi e una sciarpa, si è rivolto alle oltre 30.000 persone convenute a Chandigarh, presso il complesso del Campidoglio progettato da Le Corbusier. Nel suo intervento ha voluto sottolineare che "lo Yoga non è una attività religiosa". Le religioni, ha spiegato, si preoccupano di dire all'uomo quello che otterrà una volta morto. Ma "lo Yoga non ha nulla a che vedere con l'aldilà. Per cui, non è una pratica religiosa. È una scienza di questo mondo e riguarda quello che di buono possiamo ottenere nella nostra vita". 

Chiedendo alla gente di praticare lo yoga così quanto usa il telefonico, il primo ministro ha ribadito che farlo garantisce "la salute a budget zero", aiuta a controllare la mente e a condurre una vita disciplinata. Dopo aver dedicato una parte importante del suo discorso ai benefici effetti di questa pratica per la cura del diabete, Modi è sceso sulla spianata prendendo posto su uno dei 30.000 materassini rosa e blu per eseguire alcune delle principali posizioni (asana) dello Yoga. 

Nella capitale indiana anche il presidente Pranab Mukherjee ha guidato una sessione nella sua residenza ufficiale, la Rashtrapati Bhavan, a cui hanno preso parte circa mille persone, mentre ministri hanno seguito lezioni di yoga in tutti gli Stati indiani, tranne il Bihar. Le emittenti locali mostrano le immagini di milioni di persone che che prendono parte a lezioni collettive in centinaia di città. Uno dei più noti guru indiani, Baba Ramdev, ha guidato una lezione di Yoga a Faridabad, in Haryana, a cui hanno partecipato secondo gli organizzatori 100.000 persone, mettendo a segno una sorta di record assoluto in questo campo.

Anche il resto del mondo parteciperà all'evento internazionale. Come vediamo in queste foto, lezioni collettive si sono svolte in molte città del pianeta: dal Regno Unito alla Cina, dagli Stati Uniti al Kosovo, dal Nepal all'Australia...

© Riproduzione Riservata

Commenti