Foto

25 aprile 1945, le foto della Liberazione

Nelle immagini, la gioia della popolazione civile in festa per la fine dell'occupazione nazi-fascista

25 aprile 1945, l'Italia si liberava dal fascismo e dal nazismo. La seconda Guerra Mondiale finì quel giorno. Una data che da allora è il simbolo della Liberazione per il nostro paese.

Queste le foto delle emozioni, della gente, dei soldati americani applauditi come eroi, dei partigiani, che ci hanno dato tutto questo.

Three Lions/Getty Images
1945. Una donna anziana mostra la sua gratitudine a un soldato americano dopo la liberazione d'Italia.
24 aprile 1945, FerraraFerrara, 24 aprile 1945. La popolazione di Ferrara applaude le truppe britanniche che fanno ingresso in città.MONDADORI PORTFOLIO
Partigiane a Milano, 1945Partigiane legate al Partito d'Azione per le strade di Milano, 1945.Keystone/Getty Images

Ferrara, 24 aprile 1945. Un soldato britannico dell'Ottava armata bacia una ragazza di Ferrara dopo l'ingresso in città.

MONDADORI PORTFOLIO

Milano, aprile 1945. La folla lungo le strade saluta le truppe americane che fanno ingresso a Milano.

Keystone/Getty Images

Ferrara, 24 aprile 1945. Soldati britannici della Ottava armata applauditi dai civili per le strade di Ferrara.

MONDADORI PORTFOLIO

Bologna, 21 aprile 1945. Un gruppo di italiani rifugiatisi sulle montagne fanno ritorno nella città liberata.

Milano, 25 aprile 1945. Un gruppo di partigiani su un veicolo a motore lungo Corso Ticinese, salutato dagli applausi della popolazione della città liberata. A una finestra, sventola il tricolore.

MONDADORI PORTFOLIO

Milano, 25 aprile 1945. Uomini in azione per occupare la sede del "Corriere della Sera", nel giorno della Liberazione.

MONDADORI PORTFOLIO

Verona, 26 aprile 1945. Persone in festa sfilano con cartelli e bandiere accogliendo le truppe britanniche che entrano in città.

MONDADORI PORTFOLIO

Mestre, 29 aprile 1945. Soldati britannici dell'Ottava unità celebrano la liberazione con un gruppo di civili.

MONDADORI PORTFOLIO

Milano, 6 maggio 1945. Soldati britannici e americani in piedi su un carro armato in Piazza Castello a Milano, nel corso di un evento che celebra la liberazione partigiana.

MONDADORI PORTFOLIO

Pieris, frazione del comune di San Canzian d'Isonzo, in provincia di Gorizia, maggio 1945. La popolazione locale sventola bandiere e mostra cartelli a una jeep britannica di passaggio, diretta a Trieste.

MONDADORI PORTFOLIO

Maggio 1945, Chiasso. Famiglie di ex rifugiati in Svizzera si affacciano ai finestrini del treno che li riporta in Italia.

MONDADORI PORTFOLIO

1945. Vicino a Cuneo alcuni partigiani e due ufficiali inglesi salutano l'arrivo di un aereo carico di provviste.

Milano, maggio 1945. Un soldato osserva la nuova targa di Corso Matteotti, in onore del socialista ucciso dai fascisti nel 1924, una strada centrale di Milano che durante il fascismo era chiamata Corso del Littorio.

Brescia, aprile 1945. Alcuni ausiliari della Luftwaffe e della RSI su un veicolo della 13esima pattuglia alleata, trasportati verso un campo di prigionia.

MONDADORI PORTFOLIO

Il 25 aprile 1945, le insurrezioni partigiane ponevano fine, alcuni giorni prima dell'arrivo delle truppe alleate, all'occupazione nazi-fascista di Milano e Torino, liberate dopo Bologna e prima di Genova e Venezia. Entro il 1º maggio, tutta l'Italia settentrionale fu libera. Era la fine della dittatura mussoliniana, della Seconda guerra mondiale, della guerra civile e della paura.

Con queste foto vogliamo ricordare questo evento, ricordato ogni anno dalla Festa della Liberazione, istituita dal Governo provvisorio nel 1946 per quel solo anno, "a celebrazione della totale liberazione del territorio italiano", e resa definitiva con una legge del 1949. Scattate nelle settimane intorno al 25 aprile, mostrano la popolazione civile in festa e l'accoglienza alle truppe anglo-americane in diverse città del nord del Paese, da Bologna a Milano, da a Ferrara a Verona.

(Questa fotogallery è stata pubblicata per la prima volta il 24 aprile del 2016).

Ti potrebbe piacere anche

I più letti