Tasse

Renzi: "Nel 2017 le tasse alle imprese scenderanno al 24%"

Attualmente è al 31,4%. A riduzione attuata sarà l'aliquota più bassa d'Europa

Matteo Renzi

Redazione Economia

-

Prende forma il maxi-piano taglia tasse annunciato poco più di una settimana fa dal premier Matteo Renzi, e si arricchisce di un nuovo dettaglio: il promesso nuovo passo in favore delle imprese, che arriverà nel 2017, sarà declinato con una forte riduzione dell'imposizione sul profitto che, a riforma attuata, punterà al trofeo del più basso d'Europa.

"Con la riduzione del costo per le imprese dal combinato Ires e Irap - ha spiegato il premier - vogliamo portare il costo della tassazione sul profitto al 24%, l'obiettivo che ci poniamo è un punto sotto la Spagna".

La boccata d'ossigeno per le imprese italiane sarebbe notevole, visto che a oggi la tassazione sulle società (27,5%) combinata al prelievo regionale sulle attività produttive (3,9% l'aliquota base) arriva al 31,4%.

Abbassarle fino al 24% ci porterebbe per l'appunto sotto Germania, Francia e Madrid che "è al 25%".

Nell'arco di cinque anni, ha sottolineato ancora il premier, l'intervento complessivo di riduzione fiscale si aggira sui 50 miliardi, contando quelli gà' fatti (10 miliardi per il bonus degli 80 euro, e circa 5 di sgravio sull'Irap da cui è stata eliminata la componente lavoro).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Taglio alle tasse: così Renzi pensa di trovare i soldi

Spending review e spazio sul deficit per tagliare nel 2016 le tasse sulla casa (Imu e Tasi) e ridurre il fisco di 50 miliardi in 5 anni

Renzi e lo show del taglio delle tasse sulla casa

Lo farà o non lo farà? Per ora quello che è certo è che il premier continua a imitare Silvio Berlusconi. Dall'oratorio di Rignano a Palazzo Chigi

Tasse sulla casa, perché Padoan frena Renzi

Il ministro dell'economia appoggia il taglio alle imposte annunciato dal premier. Ma dovrà lavorare molto e trovare 25 miliardi di euro già in autunno

Commenti