Regali di Natale: come funzionano le detrazioni per imprese e professionisti

Da quest’anno scatta la possibilità di abbattere completamente l’Iva per beni il cui costo unitario sia inferiore a 50 euro

Regali di Natale

Giuseppe Cordasco

-

Con l’avvicinarsi del Natale, come ogni anno, per imprese e professionisti si ripropone l’esigenza di effettuare dei regali alla propria clientela cercando di usufruire delle agevolazioni fiscali messe a disposizione in modo specifico per questo tipo di acquisti. Per il 2015 c’è allora innanzitutto da segnalare un interessante novità: grazie ad un  decreto specifico è stato infatti stabilito che se il bene oggetto del regalo risulta di costo unitario non superiore a 50 euro sarà possibile detrarre integralmente l'Iva. Una differenza non da poco rispetto al passato, visto che in precedenza il limite del costo unitario era fissato a circa 25 euro, ossia esattamente la metà. Ma insieme a questa opportunità, ne esistono anche molte altre legate a detrazioni fiscali che di seguito andiamo a specificare.

Imprese
Per quanto riguarda l’attività di rappresentanza svolta nel periodo natalizio dalle imprese, si evidenzia che nel caso di regali che abbiamo ad oggetto beni legati all’attività (ossia ad esempio un’azienda che commercializza computer e che ne dona uno ad un proprio cliente), oltre alla citata detrazione dell’Iva per regali con un costo inferiore ai 50 euro, si può ottenere una deduzione su Ires e Irpef, che sarà pari all’intero ammontare della spesa, sempre nel caso si tratti di esborsi inferiori ai 50 euro. Inoltre, ci saranno effetti anche sull’Irap nel caso si operi con il metodo del bilancio. Nel caso delle imprese non ci sono poi da rilevare sostanziali differenze nel caso si tratti di regali che hanno ad oggetto beni non legati all’attività.

Professionisti
Nel caso di lavoratori autonomi invece, le due fattispecie di regali sono sottoposti a regole diverse. In caso di beni che non siano oggetto dell’attività del professionista infatti, ferma restando la deduzione dell’Iva per importi fino a 50 euro, c’è da segnalare la possibilità di detrarre dall’Irpef  un valore che dovrà risultare entro il limite dell’1% dei compensi percepiti nel periodo d’imposta considerato. Un valore questo che si applica anche all’Irap, per quei professionisti che sono soggetti anche al pagamento di questa imposta. Per quanto riguarda infine gli oggetti che verranno regalati e che in un qualche modo sono invece legati all’attività del lavoratore autonomo, ebbene in questi casi si applica lo stesso regime di deducibilità valido per le imprese.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Iva e professionisti: in arrivo nuove regole

Per questa categoria di contribuenti non si applicherà più lo split payment, che prevede il pagamento diretto dell’imposta indiretta da parte della pa

Professionisti, ecco chi non deve pagare l’Irap

Una sentenza della Cassazione stabilisce i limiti entro cui non si può parlare di reddito d’impresa e scatta l’esenzione dall’imposta

Ddl concorrenza: le 10 novità su Rc auto, professionisti, farmacie e tanto altro

Le commissioni parlamentari competenti hanno approvato le misure che ora attendono solo il via libera di Montecitorio

Legge Stabilità 2016, le novità per i professionisti

Possibilità di sfruttare i super ammortamenti e accesso ai fondi Ue, queste le nuove opportunità offerte a molti lavoratori autonomi

Commenti