Nuovo Isee, come fare per calcolarlo

Attenti all’effetto Imu: nel calcolo rischia di peggiorare il risultato rispetto al vecchio indicatore. Dentro il riccometro anche a Bot, conti correnti e azioni

Compilazione a mano di un modulo (credits Stefano Capra / Imagoeconomica)

Massimo Morici

-

Attenti all’effetto Imu che nel calcolo del nuovo Isee rischia di peggiorare il risultato rispetto al vecchio indicatore, anche se l’esito può essere più favorevole se si hanno figli piccoli.

Le novità del nuovo riccometro si concentrano soprattutto sul fronte patrimoniale. Ecco, in sintesi, quali voci prendere in considerazione e cosa pesa di più e cosa meno all’interno del calcolo, tenendo presente che il meccanismo generale non cambia.

Il risultato, infatti, è il valore assoluto dato dalla somma dei redditi e dal 20% dei patrimoni mobiliari e immobiliari dei componenti il nucleo familiare.

Indicatore mobile “anti crisi”
Rispetto al vecchio indicatore, che considerava la condizione famigliare dell’anno precedente, per calcolare il nuovo Isee si potrà fare riferimento anche al reddito corrente. Un’opzione vantaggiosa, in questo caso, per coloro che hanno subìto un taglio netto alle proprie entrate, ad esempio per la perdita di lavoro.

Quanto pesa la casa
Se siete possessori di un immobile senza mutuo, fate attenzione ai casi di applicazione della franchigia.

ll Sole 24 ore, per esempio, ha pubblicato delle simulazioni di calcolo considerando i nuovi criteri e scoprendo che, per una casa senza mutuo abitata da una famiglia di 4 persone, l’effetto è regressivo: meno vale l’immobile, più peggiora il risultato rispetto al vecchio Isee.

Nel vecchio metodo il valore ai fini Ici, abbattuto da una franchigia di 51.646 euro o pari al mutuo residuo, veniva considerato per un quinto. Ad esempio, partendo da un valore ai fini Ici di 100.000 euro, scontato della franchigia da 51.646, e calcolando il 20%, si otteneva un valore di 9.671.

Nel nuovo, invece, il valore Imu viene abbattuto di un terzo e considerato per un quinto, sottraendo una franchigia proporzionale al numero dei familiari o l'eventuale mutuo residuo.

In questo caso, partendo da una base di 160.000 euro (valore Imu), la franchigia di 6.500 euro (in relazione a 4 componenti del nucleo famigliare) si sottrae al valore che si ottiene calcolando il 20% dei due terzi della base (106.667), ottenendo così un valore di 14.883.

Il discorso cambia se invece c’è un mutuo: le nuove regole, in questo caso sono più favorevoli, ma solo se il valore Imu della casa non supera i 240.000 euro.

I FALSI POVERI IN ITALIA

Quanto pesano i risparmi
Debuttano quest'anno i patrimoni finanziari detenuti all'estero, che rientrano nel calcolo della ricchezza assieme a Bot, azioni, conti concorrenti, obbligazioni, certificati di deposito e credito, buoni fruttiferi, quote di fondi di investimento.

Come cambia il calcolo in questo caso? Alla vecchia franchigia da 15.493,7 euro subentra uno sconto base da 6.000 euro, che aumenta fino a 10.000 euro in proporzione al numero dei componenti del nucleo familiare.

Quanto pesano i figli
Anche se i parametri base della scala di equivalenza restano gli stessi, sono state introdotte maggiorazioni crescenti a partire dal terzo e fino al quinto figlio. Se in casa c’è un bimbo sotto i tre anni, la già prevista maggiorazione per i nuclei con figli minori e genitori entrambi lavoratori viene elevata.

ISEE, UNA RIVOLUZIONE CHE VIENE DA LONTANO

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Nuovo Isee, come calcolarlo (se e quando ci sarà)

Fissati dal governo i criteri di reddito e patrimonio per accedere ai servizi sociali. Ma la loro approvazione resta in bilico, almeno fino alle elezioni

Nuovo Isee, ecco come sarà il riccometro

Nella dichiarazione non più solo il reddito, ma anche assegni per i figli, pensioni d’invalidità e conti in banca

Commenti