Tasse

Fisco e Ue: i nuovi strumenti per combattere l’evasione

Via libera del Parlamento europeo alla norma che obbligherà lo scambio di informazioni sugli intestatari dei conti bancari

Giuseppe Cordasco

-

La lotta all’evasione fiscale è ormai un tema che in nessun modo può riguardare in maniera autonoma e indipendente i singoli Stati. Lo hanno ben compreso anche nell’Unione europea dove è stato deciso da tempo ormai di rendere più stringenti soprattutto le norme antiriciclaggio. In questo senso è allora una conferma la decisione adottata proprio in queste ore dal Parlamento di Strasburgo che in pratica ha votato il via libera definitivo a un aggiornamento della direttiva 2011/16 che sostanzialmente obbligherà le autorità fiscali dei Paesi dell’Unione europea a condividere automaticamente informazioni per tracciare i proprietari di conti bancari, con l'obiettivo dichiarato di combattere in questo modo appunto proprio l'evasione fiscale.

Tasse più basse, meno evasione: siamo sicuri che basti?


Una decisione presa a larghissima maggioranza tra l’altro, visto che il provvedimento, proposto dal Consiglio europeo, è stato approvato con ben 950 voti a favore. Un voto che ora obbligherà tutti gli Stati membri ad adeguarsi a questa nuova direttiva entro la fine del prossimo anno. Le nuove regole d’ingaggio per combattere l’evasione fiscale a livello continentale, imporranno quindi dal 2017 alle autorità fiscali di ogni singolo Paese della Comunità di assumersi responsabilità antiriciclaggio, condividendo con i propri omologhi dell’Unione informazioni come il saldo dei conti correnti, i guadagni da interessi e i dividendi.

Evasione all'estero: perché non siamo riusciti a vincerla


Una risoluzione, quella adottata dal Parlamento europeo, che tra l’altro mira anche a colpire i legami, dichiarati ormai effettivi, tra riciclaggio di denaro, finanziamento del terrorismo, crimine organizzato ed evasione fiscale. E dunque proprio l’obiettivo di contrastare in maniera sempre più efficace questi intrecci criminali e finanziari, ha spinto le istituzioni comunitarie a sottolineare con forza la necessità di una cooperazione e di un coordinamento stretto tra i Paesi europei. In questo senso, la decisione del Parlamento di rendere praticamente automatico lo scambio di dati riguardanti i conti correnti bancari utilizzati nell’area dell’euro, rappresenta certamente un passo in avanti verso il raggiungimento di questo risultato, perché rendere più difficile l’evasione fiscale, contribuirà certamente a rendere anche meno semplice l’attività di gruppi criminali e terroristici.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Norme anti evasione: così la Ue vuole controllare le multinazionali

I grandi gruppi dovranno comunicare i dati sul proprio bilancio in modo più trasparente, ovvero Paese per Paese membro dell’Unione

Italia prima in Europa nell'evasione dell'Iva

E' quanto emerge da un'analisi della Commissione europea sul divario tra le entrate previste e quelle riscosse

Multinazionali, ecco quanto vale l’evasione fiscale nel mondo

Secondo l’organizzazione internazionale Oxfam, i grandi gruppi occulterebbero nei paradisi fiscali ricavi totali per 240 miliardi di dollari

Comuni e lotta all’evasione: quella fonte di risorse ancora non sfruttata

I sindaci chiedono più fondi al governo, ma intanto fanno poco per recuperare gettito da chi non paga le tasse

Tutti i numeri dell'evasione fiscale in Italia

Ogni anno gli italiani nascondono al Fisco 88 miliardi di euro: è il gap tra le imposte che dovrebbero essere versate e quelle pagate

Commenti