Soldi

Pensione integrativa, quanto versare per averne una

Una guida utile per capire l’entità dei versamenti necessari per farsi una rendita di scorta in vista della vecchiaia e arrotondare bene gli assegni Inps

busta-arancione

Andrea Telara

-

Quanto devo versare ogni mese per farmi una buona pensione integrativa? E’ una domanda che si pongono non pochi lavoratori quando aderiscono alla previdenza complementare, sottoscrivendo un fondo pensione o un piano pensionistico individuale (pip) offerto da una compagnia assicurativa.

Leggi qui: Come farsi una pensione integrativa

In realtà, l'ammontare della rendita  di scorta maturata con l'adesione ai prodotti della previdenza complementare rimane sempre un'incognita e dipende da quanto renderanno nei prossimi decenni i fondi pensione e i pip, le cui performance sono a loro volta legate all'andamento dei mercati finanziari. E’ possibile però fare delle stime sull'entità dell'assegno pensionistico integrativo futuro. Chi aderisce ai fondi pensione riceve infatti per posta, entro la primavera di ogni anno, un documento che si chiama Prospetto Esemplificativo Personalizzato e che gli addetti ai lavori hanno ribattezzato da tempo Bussola Previdenziale. Si tratta di un prospetto di 2 pagine, spedito dalla società che gestisce il fondo pensione o dalla compagnia assicurativa che offre il pip, in cui vengono riepilogati tutti i versamenti del lavoratore e il capitale maturato. La parte più importante del documento è però quella finale dove il lavoratore può consultare una stima della rendita integrativa che otterrà al momento della pensione, se continuerà a destinare alla pensione di scorta una parte dei propri redditi.

Leggi anche: fondi pensione, chi ha reso di più negli ultimi 10 anni

 I calcoli delle rendite  vanno presi un po' con le molle e non hanno certo la pretesa di determinare al centesimo le pensioni integrative del futuro. Le simulazioni devono infatti tener conto di parecchi fattori come l'età del lavoratore, i contributi che deve ancora versare, il tasso annuo di crescita del suo salario e i possibili rendimenti del fondo scelto. Alcuni dati sono facilmente stimabili mentre altri, come l'inflazione o le performance dei prodotti previdenziali, rimangono per forza di cose delle incognite. La Covip (l’authority che vigila sui fondi pensione) ha fissato però dei paletti stabilendo che, nelle simulazioni, deve  essere sempre prevista una crescita annua del salario pari all'1% più il tasso di inflazione, stimato nell'ordine del 2% ogni 12 mesi. E deve essere ipotizzato un rendimento medio dei fondi pensione pari al 4% annuo per le linee azionarie e al 2% per le linee  obbligazionarie o al 3% per le linee miste.

Leggi anche: Pensioni 2017, le modifiche in arrivo

Ecco allora che si torna all’interrogativo di partenza: quanto si deve versare per avere una pensione integrativa soddisfacente? Si possono prendere in esame concreti consultando i prospetti esemplificativi personalizzati dei fondi pensione e dei pip, che sono disponibili anche online nei siti web delle società di gestione del risparmio o delle compagnie assicurative (a questo link, per esempio, c’è il simulatore di Cometa, il maggior fondo pensione italiano riservato ai metalmeccanici). Nell’ipotesi che un giovane 25enne neoassunto aderisca a un fondo pensionistico oggi e versi 100-200 euro al mese per 40 anni, secondo i calcoli dei prospetti può sperare  di ricevere in vecchiaia una pensione integrativa tra 250 e 500 euro al mese, calcolata con valori attualizzati, cioè rapportati al tenore di vita di oggi (c'è dunque un rapporto di 1 a 2,5 tra quanto accantonato ogni mese e l’assegno maturato). Queste cifre si basano però sull’ipotesi che il fondo pensione prescelto, incociando le dita, abbia un rendimento nel lungo periodo di circa il 4% medio annuo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pensioni, chi prenderà la quattordicesima nel 2017

Da gennaio, l'assegno Inps supplementare verrà dato a 1,1, milioni di persone in più. E per qualcuno (forse) crescerà del 30% circa.

Pensioni, chi avrà un aumento (forse) nel 2017

Quattordicesime estese e meno tasse. Ecco chi i può sperare il prossimo anno di avere dall'Inps qualcosa in più (tra 20 e 40 euro al mese)

Pensioni, chi si ritirerà in anticipo dal 2017 in poi

Con la manovra economica ormai quasi approvata, ecco chi potrà mettersi a riposo anche senza aver compiuto i 66 anni previsti dalla Legge Fornero

Pensioni, come saranno nel 2050

Standard&Poor's analizza il futuro del sistema previdenziale italiano: età media di pensionamento a 68 anni e spesa stabile, grazie alle riforme

Pensioni, come farsi un assegno integrativo

Circa 7,8 milioni di italiani hanno già un fondo pensione. Una guida utile per tutti gli altri lavoratori (la maggioranza) che non li hanno ancora

Pensioni d'oro dei sindacalisti: la fine dei privilegi

Una circolare dell'Inps ha appena recepito la sentenza della Corte dei conti contro i trattamenti di favore. Ecco cosa accadrà

I fondi pensione cambiano pelle. Rischi e opportunità per i lavoratori

In futuro, i prodotti della previdenza integrativa potranno investire una parte del patrimonio anche in strumenti finanziari alternativi come gli hedge fund. Se ne parla all'It Forum di Rimini

I fondi pensione a singhiozzo: cosa rischia chi interrompe i versamenti

A causa della crisi, più di un milione di italiani hanno smesso di destinare soldi alla previdenza complementare. Ma dovranno aspettarsi un assegno integrativo più basso

Bail-in: perché i fondi pensione sono in agitazione

Secondo Bankitalia le norme in vigore tutelano i fondi comuni ma non gli altri strumenti di risparmio collettivo

Commenti