Economia

Perché Trump impone dazi su pannelli solari e lavatrici

Alla base c’è sempre la politica dell’America First, l’America prima di tutti, ma anche la ricerca di consenso popolare in una fase di difficoltà

lavatrici

Giuseppe Cordasco

-

Il presidente americano Donald Trump non smentisce se stesso. Appena risolto il problema dello shutdown che aveva provocato il blocco delle attività dell’amministrazione pubblica statunitense con conseguente inevitabile appannamento della sua immagine, prova subito a riconquistare consensi annunciando l’istituzione di dazi doganali su pannelli solari e lavatrici importate dall’estero.

Una decisione, presa sulla scia della politica dell’America First, ovvero l’America prima di tutti, che ha subito scatenato però le proteste in particolare di Cina e Corea del Sud, tra i maggiori fornitori agli Usa di questi beni. Ma vediamo nel dettaglio come si è arrivati a questa scelta e quali saranno le conseguenze.

Difesa di imprese e lavoratori

L’intento dichiarato del numero della Casa Bianca è quello di proteggere le imprese americane che operano nei due settori merceologici investiti dai nuovi dazi.

Tutto nasce infatti dalle proteste di due aziende a stelle e strisce, la Suniva e la SolarWorld Usa, produttori di celle e moduli fotovoltaici, finite sul lastrico, a loro dire, proprio a causa della concorrenza di prodotti stranieri provenienti in particolare da Cina e Corea del Sud.

L’imposizione di dazi, sempre secondo le imprese americano, potrebbe portare alla creazione di 100mila posti di lavoro, niente di meglio per accreditare ancora di più l’ormai famosa politica dell’America First messa in campo da tempo proprio da Trump.

Tariffe per le lavatrici

Entrando nel merito del provvedimento, i dazi che colpiranno le lavatrici prodotte all’estero saranno all’inizio ben del 50%, dureranno per sei anni e andranno nel tempo a scalare.

In particolare nel primo anno, ci sarà un dazio del 20% sulle prime 1,2 milioni di lavatrici e del citato 50% su quelle successive. Poi le percentuali andranno a scalare e dal terzo anno, scenderanno al 16% sul primo milione e duecentomila prodotti e al 40% sui successivi.

Dazi per i pannelli

Per i pannelli solari è stato architettato allo stesso modo un sistema di tassazione aggiuntiva che andrà a scalare nel corso degli anni, che in questo caso saranno complessivamente pari a quattro.

In questo caso la percentuale iniziale sarà pari al 30%, con un decremento che porterà il dazio dell’ultimo anno a quota 15%. Da notare che anche in questo caso esiste una sorta di franchigia iniziale, visto che sui primi 2,5 gigawatt di celle solari importati non scatterà nessuna tassazione aggiuntiva.

Le proteste

Come accennato non mancano però le voci in disaccordo con questi provvedimenti. Ci sono innanzitutto Cina e Corea del Sud che non ci stanno e hanno già deciso di investire della cosa l’Organizzazione mondiale del commercio, che potrebbe decidere di considerare illeciti i nuovi dazi voluti da Trump.

Inoltre, posizioni polemiche ci sono anche nel fronte degli installatori di pannelli solari americani, i quali temono che, l’imposizione dei dazi, possa portare ad un aumento dei prezzi dei prodotti e conseguentemente ad una forte crisi del settore. Staremo vedere se Trump riuscirà a tenere il punto o sarà costretto ad un’altra fragorosa marcia indietro.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Trump e gli Oscar alle fake news: ecco le testate "premiate"

Il New York Times vince il primo premio dei "riconoscimenti" ideati dal presidente statunitense, al suo ennesimo attacco contro la stampa

Ecco come Apple sfrutterà la riforma fiscale di Trump

Grazie al "condono" previsto dalla nuova legge, la società investirà in patria oltre 250 miliardi di dollari creando 20 mila nuovi posti di lavoro

Perché Trump fa (molto) bene al giornalismo Usa

Il Presidente Usa è impegnato in uno scontro con le principali testate dell’informazione americana: quando la realtà supera la fantasia

Cosa ha detto Trump sui migranti di El Salvador, Haiti e Paesi africani

Li ha definiti "gente che arriva da questo cesso di Paesi". Dopodiché ha negato di essere un razzista

Tutte le frasi shock di Donald Trump

Le provocazioni imbarazzanti del presidente americano. Dalle parole sessiste alle giornaliste di Fox News e Msnbc fino agli insulti agli immigrati da El Salvador e Haiti

Accordo sul clima: ecco perché Trump forse ci ripensa

Potremmo considerare la partecipazione al patto, dice, rendendolo più equo, con target di emissioni "meno punitivi" per l'America

Trump: le 5 rivelazioni dal libro scandalo "Fire and Fury"

Commenti