Perché la Cina vuole conquistare l'Africa

Corruzione, sfruttamento, inquinamento: ecco come le ambizioni di Pechino rischiano di annientare il futuro del continente

cina-africa-summit

Xi Jinping accoglie i leader africani a Pechino - 3 settembre 2018 – Credits: Sheng Jiapeng/China News Service/VCG via Getty Images

Claudia Astarita

-

Nel corso dell'ultimo Forum di cooperazione Africa-Cina Pechino si è impegnata a contribuire allo sviluppo dell'Africa con niente meno che 60 miliardi di dollari tra prestiti e investimenti in infrastrutture. Un impegno credibile? Certamente sì, visto che un contributo identico è stato promesso nel 2015 ed elargito negli anni immediatamente successivi.

Cosa costruisce la Cina in Africa

I 60 miliardi di oggi verranno suddivisi su varie aree: 15 finanzieranno aiuti e prestiti a interessi zero, 20 nuove linee di credito, 10 un fondo speciale per lo sviluppo, 5 le importazioni dall'Africa e gli ultimi 10 progetti privati delle imprese cinesi. I 60 miliardi del 2015, invece, hanno permesso di costruire nuove ferrovie che collegano Kenya, Rwanda, Tanzania, Uganda, Burundi e Repubblica Democratica del Congo; hanno contribuito a coprire i costi dei peacekeeper dell'Unione Africana; hanno permesso a un migliaio di giornalisti in erba di completare la loro formazione; e hanno contribuito a costruire stadi, ponti, strade e tante altre infrastrutture.

Perché la Cina investe in Africa

Il grande assente dal pacchetto di aiuti del 2015 era un piano di sviluppo industriale di lungo periodo. Eppure, Xi Jinping continua a ripetere che il suo obiettivo è aiutare l'Africa a trovare la sua strada per crescere. E sono tanti gli analisti cinesi conviti che l'obiettivo di lungo periodo del governo sia già chiarissimo: spostare in loco tutti i settori produttivi ad alta intensità di forza lavoro. In maniera da poter risparmiare anche sui costi di spostamento delle materie prima, di cui l'Africa è ricchissima, e che al momento Pechino importa (anche) per alimentare le sue industrie.

La reazione dell'Occidente

L'Occidente lamenta di essere stato preso in contropiede e teme il consolidamento della presenza cinese in Africa. C'è chi accusa Pechino di "neocolonialismo", chi mette in guardia i paesi africani sul fatto che, a forza di elargire prestiti troppo generosi, la Cina riuscirà a legare il loro destino al suo, creando un legame di dipendenza da cui non riusciranno più a liberarsi. Eppure, sia l'America, ormai troppo presa da altre questioni, sia l'Europa, che vede l'Africa solo come una fonte di problemi, non sono in grado di andare oltre gli ammonimenti verbali, che finiscono inevitabilmente col perdere valore.

Le conseguenze dell'avanzata cinese in Africa

Gli stati africani che hanno scelto di collaborare con Pechino si stanno davvero chiudendo in un vicolo cieco di dipendenza e controllo oppure no? La Cina di Xi Jinping non regala nulla per nulla, e il modo in cui si sta muovendo nel continente, anche quando si impegna a cancellare il debito contratto con paesi particolarmente poveri, certamente dimostra che ha mire molto ambiziose. Il punto, quindi, è capire cosa vuole realmente ottenere.

La Cina è il principale partner commerciale dell'Africa dal 2009, e negli ultimi dieci anni ha investito nel continente ben 125 miliardi di dollari. Investire tanto, però, non necessariamente vuol dire investire bene. I progetti falliti sono molti, e la Repubblica popolare è stata da più parti accusata di essere responsabile di aver innescato un sistema di crescita "malsano" e "non-sostenibile". Corruzione, distruzione dei giacimenti di risorse a causa dell'eccessivo sfruttamento degli stessi, e inquinamento sono i grandi problemi che la Cina starebbe esportando in Africa.

I rischi di una crescita non sostenibile

Jonas Gamso, un ricercatore dell'Arizona State University, ha pubblicato una ricerca interessante in cui mette in evidenza come il rischio più grande che l'Africa sta correndo è proprio quello di importare inquinamento dalla Cina. Le mappe dell'inquinamento denunciano già una situazione tragica, che è peggiorata, secondo Gamso, proprio da quando la Cina ha iniziato a esportare tecnologie (obsolete) a sud. Continuando di questo passo, e soprattutto considerando l'intenzione cinese di trasferire in Africa tutte le produzioni ad alta intensità di forza lavoro, l'intero continente farebbe meglio a correre ai ripari, prima di ritrovarsi a gestire una situazione già parzialmente fuori controllo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Cina: reddito di cittadinanza finanziato col turismo

Alloggio, lavoro, assistenza sanitaria e contributi pensionistici garantiti ai poveri che vivono nelle campagne. Dalle aziende private

Cina, ecco tutti gli accordi siglati da Tria

Firmata a Pechino l’intesa per far entrare lo yuan nelle riserve di Bankitalia. Via libera poi a una serie collaborazioni commerciali

Cina: Tianjin Binhai Library, il futuro arriva in biblioteca

Vera e propria attrazione, uno dei 100 luoghi da visitare nel 2018 per Time, in meno di un anno dall'apertura ha fatto quasi 2 milioni di visitatori

Google in Cina: perché i dipendenti dicono di no

L’azienda ha deciso di creare una versione censurata del motore di ricerca più usato della rete. 1.400 impiegati si oppongono

Cina, ecco come Google prepara il motore di ricerca censurato

Per tornare sul mercato cinese Big G mette a punto un engine capace di autocensurarsi e impedire l'accesso a siti o informazioni proibiti dalle autorità

Come sarebbe un mondo dominato dalla Cina (a partire dal 2024)

Perché gli esperti sono convinti che Pechino riuscirà presto a controllare tutto il mondo

Cina: esperimenti di repressione totale

Nella Nuova Era di Xi Jinping non c'é spazio ne' per la libertà individuale ne' per il dissenso

Guerra dei dazi: come la Cina si prepara a gestire un disastro economico

Fallimenti e ristrutturazioni pianificate e svalutazione competitiva per controbilanciare l'offensiva di Trump

Commenti