Mutui agevolati, ecco come saranno e chi ne beneficerà

Firmata dall'Abi e dalla Cdp una convenzione per dare credito alle giovani coppie e alle famiglie numerose che comprano o ristrutturano la casa. Ma non si sa ancora bene a quali condizioni

– Credits: Carlo Carino/Imagoeconomica

Andrea Telara

-

Un serbatoio di 2 miliardi di euro per dare un mutuo agevolato alle giovani coppie, alle famiglie numerose o con almeno un componente disabile. E' quello appena stanziato da una convenzione siglata dall'Abi (l'associazione bancaria italiana) e dalla Cassa Depositi e Prestiti (Cdp). I finanziamenti saranno disponibili dal prossimo anno e potranno essere richiesti allo sportello probabilmente già da dicembre. Ecco, in sintesi come funzioneranno.

LIBERTA' DI TASSO

La Cassa Depositi e Prestiti metterà a disposizione delle banche una serie di finanziamenti (con un limite di 150milioni di euro al mese per ciascuna), che verranno poi utilizzati dagli istituti di credito per erogare mutui-casa a condizioni agevolate. La convenzione tra Abi e Cdp (che si chima Plafond Casa) nulla dice però su quali saranno in realtà i tassi applicati alla clientela. L'ultima parola spetterà alle banche che, secondo la convenzione siglata, potranno determinare i costi del prestito nella loro assoluta autonomia. Anche sulle procedure di istruttoria, con cui un istituto di credito decide se prestare o meno i soldi a un cliente, la Cassa Depositi e Prestiti non potrà mettere bocca. L'unico requisito che i nuovi mutui dovranno rispettare è di avere dei tassi d'interesse inferiori a quelli applicati normalmente dalla banche, per i finanziamenti con le stesse finalità e con le medesime caratteristiche. Inoltre, ogni istituto dovrà sempre informare adeguatamente i clienti dell'esistenza dei finanziamenti agevolati, evidenziando i vantaggi che offrono rispetto agli altri prodotti.

I BENEFICIARI

Nell'accensione dei nuovi prestiti verrà data la precedenza a tre categorie di potenziali debitori:

-le giovani coppie sposate o conviventi da più di due anni, composte da un partner che non ha compiuto i 40 anni e da un altro partner con meno di 35 anni

-le famiglie numerose con almeno tre figli

-i nuclei famigliari con almeno un componente disabile

Non è detto però che tutti questi soggetti siano per forza gli unici beneficiari dei mutui.

GLI IMPORTI FINANZIATI

L'ammontare del finanziamento non dovrà superare il 100% del valore dell'immobile, con dei limiti specifici a seconda dello scopo del mutuo:

-100mila euro se destinato alla ristrutturazione o all'aumento dell'efficienza energetica della casa

-250mila se finalizzato all'acquisto dell'abitazione principale, senza interventi per aumentare l'efficienza energetica

-350mila euro se il mutuo serve per comprare la prima casa ed è accompagnato anche da un intervento per accrescere l'efficienza energetica

MUTUI: PERCHE' E' DIFFICILE OTTENERLI

MUTUI: IL SOGNO PROIBITO DEI PRECARI

MERCATO IMMOBILIARE: IL MIRAGGIO DELLA RIPRESA

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Prestiti, come scegliere i migliori

Continua il calo dei finanziamenti bancari mentre i tassi d'interesse italiani sono tra i più alti d'Europa. Con un po' di attenzione, però, si può risparmiare sulle rate

Casa: la ripresa dell'immobiliare è ancora un miraggio

Luca Dondi, direttore generale di Nomisma: "Il dato del secondo trimestre è positivo, ma non ci si deve aspettare brucianti ripartenze senza interventi del governo"

Commenti