Economia

Occupazione, in luglio un leggero calo

Dall'Istat dati positivi invece per il trimestre, +0,7% e su base annua, +1,2%. Si riduce la disoccupazione

operai-cantiere

Redazione

-

L'Istat ha diffuso giovedì i dati sull'occupazione in luglio 2016. Si contrae leggermente il numero degli occupati rispetto a giugno, anche se sui tre mesi (maggio-luglio) il dato è positivo: +0,7% sul trimestre precedente. Disoccupazione in calo in generale ma non per i giovani. Di seguito la sintesi dei dati Istat nel dettaglio.

OCCUPATI
- A luglio la stima degli occupati cala dello 0,3% rispetto al mese di giugno (-63 mila), interrompendo la tendenza positiva registrata nei quattro mesi precedenti (+0,4% a marzo, +0,5% ad aprile, +0,2% a maggio e giugno).

- Il calo è attribuibile sia agli uomini sia in misura maggiore alle donne e riguarda gli indipendenti (-68 mila), mentre restano sostanzialmente invariati i dipendenti.

- Gli occupati calano nelle classi di età fino a 49 anni mentre aumentano tra gli over 50. Il tasso di occupazione, pari al 57,3%, diminuisce di 0,1 punti percentuali sul mese precedente.

I movimenti mensili dell'occupazione determinano complessivamente nel periodo maggio-luglio 2016 un consistente aumento degli occupati (+0,7%, pari a 157 mila unità) rispetto al trimestre precedente, con segnali di crescita diffusi sia per genere sia per posizione professionale e carattere dell'occupazione.

istat occupazione luglio 2015 -luglio 2016

OCCUPATI. Luglio 2015 - luglio 2016, dati destagionalizzati, valori assoluti in migliaia di unità – Credits: Istat

DISOCCUPATI
- La stima mensile dei disoccupati a luglio cala dell'1,3% (-39 mila), dopo l'aumento registrato a giugno (+1,3%). Il calo interessa sia gli uomini (-1,4%) sia le donne (-1,2%) e tutte le classi di età eccetto i 15-24enni (+23 mila) e i 25-34enni (+38 mila). Il tasso di disoccupazione scende complessivamente all'11,4%, in calo di 0,1 punti percentuali su giugno.

INATTIVI
- La stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni a luglio aumenta dello 0,4% (+53 mila), dopo il calo registrato nei quattro mesi precedenti. L'aumento riguarda le donne a fronte di una sostanziale stabilità degli uomini. Il tasso di inattività risulta pari al 35,2% (+0,2 punti percentuali).

TRIMESTRE
Nell'arco del trimestre maggio-luglio l'aumento degli occupati (+0,7%, pari a +157 mila) si associa ad un *calo degli inattivi (-1,3%, pari a -185 mila), mentre i disoccupati risultano in lieve aumento (+0,1%, +4 mila).

ANNO
Su base annua si conferma la tendenza all'aumento del numero di occupati (+1,2%, pari a +266 mila). La crescita tendenziale è attribuibile ai dipendenti (+1,7%, pari a +285 mila) e si manifesta per uomini e donne, concentrandosi soprattutto tra gli over 50 (+402 mila). Nello stesso periodo calano sia i disoccupati (-1,5%, pari a -44 mila) sia gli inattivi (-2,9%, pari a -407 mila).

[ISTAT, Agi]

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Istat, ecco sei generazioni di italiani

Quattro donne, il paese oltre e dentro la statistica: dalla ricostruzione postbellica ai ragazzi delle reti. Lo sguardo anomalo del Rapporto 2016

Istat, italiani in calo: è la prima volta in 90 anni

Diminuiscono i cittadini italiani e le nascite, aumenta l'emigrazione all'estero

Istat: l'economia italiana crescerà meno del previsto

Le previsioni dell'Istituto di statistica per il breve periodo: l'occupazione aumenta ma i segnali su consumi e fiducia sono meno favorevoli

Istat: gli italiani spendono (un po') di più

Nel 2015 timidi segnali di ripresa grazie a un reddito disponibile più alto. Buoni gli acquisti di beni alimentari, calano quelli per le comunicazioni

Produzione industriale in calo: l'Istat frena l'ottimismo di Renzi

Riduzione tendenziale dello 0,6% in maggio rispetto all'anno precedente e della stessa entità su aprile di quest'anno

Istat: occupazione in crescita, i dati di giugno

Disoccupazione totale all'11,6% in crescita per la diminuzione degli inattivi. Il dato giovanile ai minimi del 2012: 36,5%

Commenti