Economia

La Danimarca lancia il primo mutuo a tasso negativo

Per la prima volta ecco un mutuo per cui devi rimborsare meno dei soldi richiesti. Ma non è un bel segnale

Danimarca, Copenhagen

Barbara Massaro

-

Rimborsare una cifra inferiore a quella che la banca ha erogato sotto forma di mutuo. Quello che sembra essere un bel sogno per chi desidera comprare casa è una realtà in Danimarca, parte sì dell'Europa, ma nazione al di fuori dell'Eurozona e per questo con una banca centrale propria che non fa capo alla BCE.

Cosa sta succedendo in Danimarca

E proprio la banca centrale danese da anni ha praticamente azzerato il costo del denaro (0,050%) e ora il Paese scandinavo propone addirittura mutui a tasso negativo

Jyske Bank - che è il terzo gruppo bancario danese - ha anticipato l'intenzione di offrire ai propri clienti mutui a 10 anni a un tasso fisso negativo per lo 0,5%.

Nordea Bank, invece, ha intenzione di proporre un mutuo a tasso fisso di 20 anni a interessi zero e uno di 30 a tasso negativo.

Un tasso d'interesse dello 0,5% significa che, ad esempio, una casa che costa 1 milione di euro verrà rimborsata alla banca per una cifra che si aggira intorno ai 995.000 euro.

Le implicazioni economiche del tasso negativo

Si tratta di un passaggio storico che fa sì che mai come oggi sia conveniente in Danimarca comprare casa, ma mette in luce anche la paura che i mercati hanno della situazione economica globale. La scelta di approvare mutui a tasso negativo, infatti, è motivata dal fatto che gli investitori (in questo caso le banche) preferiscono subire una lieve perdita di capitale piuttosto che bloccare il mercato del prestito.

A tassi più alti, infatti, i cittadini non sarebbero in grado di rimborsare quanto dovuto o addirittura non avrebbero le prerogative per accedere al credito e questo causerebbe uno stallo economico ancora più drammatico dell'eventuale perdita.

L'altro lato della medaglia è che il facile accesso al credito ha portato al rialzo i costi delle case in Danimarca e gli osservatori temono che si crei una bolla immobiliare dalle conseguenze drammatiche per il mercato sia a livello finanziario che a livello immobiliare.

Perché non è una buona notizia

La tendenza al ribasso è, però, un problema che sta pesando sui mercati a livello globale e l'esempio danese non è che l'estrema conseguenza di una paura diffusa in tutta Europa. Basti pensare che i solidi Bund tedeschi sono già sotto zero.

La rivista Bloomberg ha sottolineato che, a livello globale, altri tassi a lungo termine sono ora pari o inferiori allo 0% e ha calcolato che il 25% delle obbligazioni mondiali per un valore di oltre 14mila miliardi di dollari è già in territorio negativo.

E persino America e Giappone temono che i titoli di Stato finiscano in territorio negativo. 

"È scomodo pensare - ha dichiarato alla tv danese Lise Nytoft Bergmann, capo analista di Nordea in Danimarca - che ci siano investitori disposti a prestare denaro per 30 anni e ottenere in cambio solo lo 0,5%. Un fatto che dimostra quanto gli investitori siano spaventati per la situazione attuale nei mercati finanziari e si aspettino che ci vorrà molto tempo prima che il quadro globale migliori".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Mutui: perché ora sono così bassi

Che sia a tasso fisso o variabile oggi come oggi stipulare un mutuo conviene

Mutui: perché è il momento giusto per comprare casa

I mutui per ora non aumentano, almeno per quanto riguarda le migliori offerte. E il mercato delle compravendite si sta scaldando: meglio affrettarsi

Mutui, cosa fare prima che i tassi aumentino

Gli interessi sui prestiti immobiliari stanno per virare verso l’alto. Come prepararsi all’appuntamento

Mutui, perché i tassi stanno già crescendo

Il rialzo dello spread tra titoli di stato italiani e tedeschi ha indebolito le banche che fanno pagare il conto ai clienti

Mutui e spread, tutto quello che c’è da sapere

La bufera di queste ore sul breve periodo non avrà effetti rilevanti, ma sul medio-lungo termine potrebbe causare l’aumento delle rate. Ecco perché

Mutui, cosa conviene tra tasso fisso e variabile

L’importo medio dei prestiti immobiliari è cresciuto nel 2017 di quasi l’8%. Qualche consiglio utile prima di indebitarsi

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965