L'economia europea rallenta: il pil cresce solo dello 0,4%

Lo dimostrano i dati Eurostat. Crescita zero per Italia, Francia e Finlandia. Bene i paesi dell'Est. Frena anche la Germania

padoan

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan – Credits: ANSA/ GIORGIO ONORATI

Redazione Economia

-

Rallenta la crescita del pil in Europa: dopo l'aumento di 0,5% registrato nel primo trimestre 2016, nel secondo la crescita è stata di 0,3% nella zona euro e 0,4% nella Ue-28. Lo comunica Eurostat, che per l'Italia conferma la crescita zero già diffusa dall'Istat (qui gli ultimi dati dell'Istituto di Statistica)

Su base annuale il pil dell'Eurozona è salito di 1,6% e quello dell'Ue-28 di 1,8%, rallentando anche in questo caso sull'1,7% e 1,9% del trimestre precedente. In Italia la crescita annuale è confermata a 0,8%.

- LEGGI ANCHE: Cosa serve all'Italia per ripartire

I Paesi a crescita zero
Italia, Francia e Finlandia sono gli unici Paesi europei con la crescita ferma nel secondo trimestre del 2016. Sotto la media Ue (+0,4%) anche Austria (+0,1%), Grecia e Lituania (+0,2%), mentre volano i Paesi dell'Est: Romania (+1,5%), Ungheria (+1%), Slovacchia, Polonia e Repubblica Ceca (+0,9%). Bene anche la Spagna (+0,8%), mentre rallenta anche la Germania (+0,4% dopo lo 0,7% del primo trimestre).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Fmi: la ripresa mondiale dell'economia va sostenuta

Christine Lagarde invita i leader del G20 ad agire presto: la crescita lenta aumenta l'ostilità politica verso gli scambi commerciali e la globalizzazione

L'economia italiana ha (già) interrotto la fase di crescita

La nota mensile dell'Istat conferma le indicazioni precedenti: domanda fiacca, produzione industriale in calo, mercato del lavoro fermo

Pil: crescita zero nel secondo trimestre, + 0,8% il dato annuo

Istat: confermate le stime congiunturali, ritoccata leggermente verso l'alto la stima di crescita. Confcommercio: serve il taglio fiscale

Pil, perché non cresce e cosa serve per farlo ripartire

Economia italiana ferma nel secondo trimestre. Per stimolare la ripresa, il governo vuol ridurre un po' le tasse sulle imprese. Ma ci vuole ben altro

Commenti