Lavoro

Pensioni: ecco come si potrà calcolarle in anticipo

Arriva un nuovo servizio che permetterà di controllare i contributi versati e stimare già oggi il futuro assegno dell'Inps o degli altri enti previdenziali

(Credits:Imagoeconomica)

Controllare i contributi, verificare che non vi siano omissioni o errori e calcolare persino in anticipo la tanto agognata pensione. E' la possibilità che avranno fra qualche mese molti lavoratori italiani (a cominciare dagli over 55) grazie a un nuovo strumento realizzato dal Ministero del Lavoro, in collaborazione con l'Inps e l'Adepp (Associazione delle Casse previdenziali dei professionisti).

L'ULTIMA RIFORMA DELLE PENSIONI

PENSIONI,COSA CAMBIA DAL 2013

In pratica, collegandosi al sito dell'Inps o del loro ente previdenziale di categoria (per esempio una cassa autonoma destinata ai liberi professionisti), i lavoratori potranno verificare innanzitutto quanti contributi hanno versato finora e avranno la possibilità di segnalare anche eventuali mancanze o incongruenze. Questo servizio (che si chiama Estratto Conto Integrato e dovrebbe partire entro aprile) interesserà soprattutto molti nostri connazionali che hanno fatto diversi mestieri nella vita, versando i propri contributi in differenti istituti o fondi pensionistici. Secondo alcuni calcoli, si tratta di almeno 5-6 milioni di persone, che spesso hanno difficoltà a ricostruire per intero la propria situazione previdenziale.

IL CALCOLATORE DELLA PENSIONE.

Le novità più importanti in arrivo sono però rappresentate da altri due servizi, che vedranno la luce nei prossimi mesi. Il primo permette di calcolare con precisione l'importo dell'assegno pensionistico e sarà riservato inizialmente (cioè entro il mese di aprile) ai lavoratori nati prima prima del 31 dicembre 1955, che hanno versato i contributi in un solo, tra i seguenti fondi previdenziali: quello dei lavoratori dipendenti, le gestioni speciali degli autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti) e la Gestione Separata dell'Inps (che è riservata ai precari o ai liberi professionisti non iscritti agli Ordini). In un momento successivo, il Calcolatore della Pensione sarà disponibile anche per tutti gli altri contribuenti inizialmente esclusi.

IL SIMULATORE DELLA PENSIONE.

L'ultimo servizio, che però è ancora in cantiere, interessa soprattutto i lavoratori più giovani. Si tratta di un Simulatore della Pensione che dovrebbe partire entro la fine dell'anno e consentirà (anche a chi è agli inizi della carriera) di stimare già oggi quanto prenderà di pensione fra molti anni. Si tratta di calcoli un po' approssimativi, che dovranno basarsi necessariamente su alcune ipotesi di fondo, come il tasso di crescita atteso della retribuzione, l'andamento del pil, l'inflazione e altre variabili che influiscono sull'ammontare dell'assegno. Attraverso il Simulatore, i lavoratori sapranno dunque se durante la vecchiaia li aspetta una pensione da fame. In caso affermativo, molte persone (almeno si spera) saranno incentivate a risparmiare o a costruirsi una rendita di scorta, per non dover tirare troppo la cinghia durante la terza età.

GLI ASSEGNI ANTICIPATI

IL REBUS DELLE RICONGIUNZIONI

IL PROBLEMA DEGLI ESODATI

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti