Lavoro

Jobs Act e dipendenti pubblici, perché non vale anche per loro

La riforma del lavoro che rende più facili i licenziamenti non verrà applicata agli statali. Ecco le ragioni di questa scelta, voluta dal premier

Andrea Telara

-

Sono regole valide per i dipendenti del settore privato, ma non per gli impiegati statali. E' quanto ha ribadito ieri il premier, Matteo Renzi, riguardo alle norme contenute nel primo decreto attuativo del Jobs Act, la riforma del lavoro appena varata dall'esecutivo, che introduce il contratto a tutele crescenti e rende più facili i licenziamenti per i nuovi assunti, rottamando in buona parte l'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. “Le norme del Jobs Act sono pensate solo per le aziende e non riguarderanno dunque i dipendenti pubblici”, ha detto in sostanza il presidente del consiglio, rafforzando le dichiarazioni già rilasciate nei giorni precedenti dal ministro del Welfare, Giuliano Poletti e dalla responsabile del dicastero della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia.


Jobs Act, come cambia il lavoro in Italia


La posizione assunta da Renzi e dai suoi ministri ha aperto però una frattura nella maggioranza poiché il senatore di Scelta Civica Pietro Ichino, che ha contribuito ha scrivere il testo del Jobs Act, non la pensa allo stesso modo. Per Ichino, e per il suo collega di partito Enrico Zanetti, sottosegretario all'economia, le nuove regole sui licenziamenti riguardano anche gli statali, poiché nel primo decreto attuativo della riforma del lavoro non si fa distinzione tra dipendenti pubblici e privati. In mancanza di questa specificazione, dunque, le nuove norme sono valide per tutti. Punto e basta. E così, a causa di questa divergenza di vedute, il dibattito sugli effetti del Jobs Act si è trasformato in una questione di lana caprina, dove anche un piccolo dettaglio può fare la differenza.


Jobs Act e articolo 18, cosa cambia per i licenziamenti


E' chiaro, però, che la posizione destinata a prevalere è quella del premier, il quale ha chiesto di aspettare i prossimi mesi di febbraio o marzo per vedere novità anche sul fronte del pubblico impiego. Entro la primavera del 2015, infatti, dovrebbe entrare in fase più avanzata il ddl Madia, la legge delega che riforma la Pubblica Amministrazione. Sarà in quell'occasione che l'esecutivo darà una rispolverata anche alle norme sui licenziamenti dei dipendenti statali. Il premier si è detto intenzionato a voler colpire gli impiegati pubblici che non fanno il proprio dovere, cioè chi ruba o chi è fannullone e assenteista. Nonostante le promesse di Renzi, però, restano molte perplessità su come si è mosso finora il governo nell'affrontare il problema dell'applicabilità del Jobs Act agli statali: un argomento che, non a caso, si è tirato dietro un lungo strascico di polemiche.


Contratto a tutele crescenti, 5 cose da sapere


Giuseppe Pellacani, docente di diritto del lavoro all'Università di Modena e Reggio Emilia, sul bollettino del centro di ricerche Adapt ha recentemente evidenziato un aspetto importante: tutte le riforme del lavoro approvate in passato, dalla legge Biagi alla legge Fornero, hanno sempre specificato abbastanza chiaramente quali norme contenute nei loro testi dovevano essere applicate anche al pubblico impiego e quali, invece, erano destinate a rimanere circoscritte esclusivamente al settore privato. Dentro il Jobs Act, invece, non si trova una parola capace di fare chiarezza su un punto così delicato. Proprio a causa di questa lacuna, sono nate le interpretazioni discordanti degli ultimi giorni, quella di Ichino e quella di Renzi e dei suoi ministri. Non è proprio un bell'inizio per una riforma che, a sentire il presidente del consiglio, dovrebbe rivoluzionare e semplificare il mondo del lavoro italiano.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Jobs Act, come cambia il lavoro in Italia

Il consiglio dei ministri ha varato oggi altri decreti attuativi della riforma del welfare. Ecco le novità all'orizzonte

Jobs Act: i 3 punti poco chiari

Dai fondi per la nuova Aspi ai licenziamenti collettivi fino all'applicazione ai dipendenti pubblici: i dubbi dei sindacati e non solo

Licenziamenti: cosa cambia con il Jobs Act

I casi di reintegro e quelli in cui è previsto un indennizzo economico. La conciliazione e i nodi da sciogliere sui licenziamenti collettivi

Renzi contro i fannulloni del pubblico impiego tra Jobs Act e sindacati

Dopo averlo escluso per i privati, il premier ipotizza il licenziamento per scarso rendimento per gli statali: le reazioni

Commenti