Lavoro

Busta Arancione: quali dati contiene

Una stima sulle pensioni future che si basa però su alcune ipotesi di fondo. Ecco come leggere, senza illudersi, le prossime simulazioni dell'Inps

pensioni-busta-arancione

Andrea Telara

-

Circa 7 milioni di dipendenti del settore privato e oltre 1 milione e mezzo di impiegati pubblici. Sono gli italiani che, a partire da questa settimana, riceveranno per posta la Busta Arancione, cioè il documento spedito dall'Inps che contiene delle simulazioni sull'importo delle pensioni future. Un lavoratore ancora in attività, anche se giovane, potrà dunque capire già adesso cosa lo aspetta in vecchiaia, stimando con largo anticipo quanti soldi riceverà ogni mese dall'ente di previdenza, durante la terza età.

Leggi anche: Busta Arancione, cos'è e come funziona

Lo scopo della Busta Arancione (che prende il nome d un analogo documento creato in Svezia e recapitato per posta ai cittadini in un caratteristico involucro di color arancio) è permettere ai nostri connazionali, soprattutto a quelli che avranno una pensione molto bassa, di correre per tempo ai ripari, creandosi una rendita integrativa o un serbatoio di risparmi per evitare di ritrovarsi poveri in vecchiaia.


Le ipotesi di fondo

Prima di aprire la busta arancione e leggerla, però, i destinatari debbono tenere a mente alcune avvertenze importanti. Per calcolare l'importo delle pensioni future, l'Inps ha dovuto basarsi necessariamente su alcune ipotesi di fondo riguardo alla carriera del lavoratore, alla crescita dei suoi redditi e all'andamento del pil (prodotto interno lordo) o dell'inflazione: tutti fattori che possono influire in maniera significativa sull'ammontare della pensione futura. Nel fare le simulazioni, per esempio, si presuppone che il lavoratore giunga alla vecchiaia dopo aver svolto una carriera continua, senza lunghi periodi di disoccupazione. Inoltre, si ipotizza che il pil italiano cresca ogni anno di un livello compreso tra l'1 e l'1,5%.

Leggi anche:La Busta Arancione online

Cosa accadrà se lo scenario preso in esame dalla Busta Arancione non si verificherà nei decenni a venire? I lavoratori potrebbero avere alla fine una pensione più alta di quella stimata dall'Inps, ma anche un assegno più basso, nel caso in cui le loro carriere prendessero una brutta piega o se il pil italiano dovesse seguire ancora un andamento stagnante. Stando alle regole attuali, infatti, le pensioni pubbliche future verranno in gran parte calcolate col metodo contributivo, cioè in base alla quantità di contributi versati nel corso di tutta la carriera. In pratica, ciascun lavoratore versa ogni 12 mesi all'Inps una certa quantità di accantonamenti previdenziali, che si accumulano nel tempo e vengono rivalutati annualmente in base alla crescita del pil nominale (cioè del prodotto interno lordo italiano, tenendo conto anche dell'inflazione). Se il pil sale dell'1%, per esempio, nell'anno successivo i contributi accantonati si rivalutano della stessa quota.


Se i conti non tornano

Alla fine della carriera, tutti soldi versati dal lavoratore (e opportunamente rivalutati) vanno a costituire un montante finale, che viene moltiplicato per un valore che si chiama coefficiente di trasformazione (variabile in base all'età) e che serve per calcolare l'importo esatto dell'assegno pensionistico. Esempio: chi ha accumulato 100mila euro di contributi in tutta la carriera e si mette a risposo a 70 anni ottiene una pensione di poco più di 6.300 euro annui (poco più di 500 euro al mese), così calcolata: 100mila euro ( montante finale a fine carriera) X 6,378% (coefficiente di trasformazione previsto per i 70enni)=6.378 euro. Fatte queste premesse, non è difficile capire che, per effetto del metodo contributivo, molti lavoratori potrebbero avere un'amara sorpresa in vecchiaia. Chi attraversa lunghi periodi di disoccupazione, infatti, mette da parte molti meno contributi di quelli stimati nella Busta Arancione. Inoltre, se l'andamento del pil italiano sarà ancora stagnante dei prossimi decenni (ma c'è da augurarsi di no) i contributi versati dai lavoratori si rivaluteranno ben poco, molto meno di quel tasso dell'1-1,5% previsto dalla stessa Busta Arancione. Dunque, per quanto utili, le simulazioni dell'Inps vanno comunque sempre prese con le molle.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pensioni: busta arancione online, come funziona

Dai primi di maggio i lavoratori possono utilizzare il simulatore sul sito dell'Inps per calcolare il futuro assegno pensionistico

Pensioni di reversibilità: chi perde e chi guadagna con la riforma

Oltre 4 milioni di italiani sotto la soglia di povertà potrebbero beneficiare della manovra che penalizza invece chi ha ereditato beni

Pensioni di reversibilità, quanto costa darle alle coppie gay

Un gruppo di statistici valuta una spesa per lo Stato di pochi milioni di euro. Ancora polemiche su un possibile taglio degli assegni alle future vedove

Pensioni di reversibilità, anche per Padoan non si toccano

Le rassicurazioni del ministro dell'economia in un question time alla Camera

Pensioni in Italia: quante sono. Il boom degli invalidi civili

All'inizio del 2016 si contavano 18,1 milioni di assegni. Molti di importo basso. Al sud la concentrazione di pensioni assistenziali

Pensioni minime, quanto costa aumentarle di 80 euro (o anche meno)

Il governo vuole alzare gli assegni Inps intorno ai 500 euro al mese. Ma sarà una misura che pesa sui conti pubblici

Pensioni e part-time agevolato: a chi conviene e a chi no

Parte dal 20 maggio la possibilità di fare orario ridotto senza perdere i contributi. Vantaggi e svantaggi di questa scelta

Commenti