Lavoro

Artigiani, ecco perché sono sempre di meno

La Cgia di Mestre segnala un preoccupante crollo di nuovi apprendisti, soprattutto a causa della perdurante crisi. Ma non solo

artigiano

Giuseppe Cordasco

-

Che l’Italia non fosse più un Paese di artigiani era chiaro a molti già da anni, soprattutto considerando le difficoltà che sempre più spesso si incontrano, in particolare nelle grandi città, a reperire un fabbro, un falegname o anche solo un idraulico o un elettricista. Ora a confermare questa sensazione, arrivano i dati nudi e crudi della Cgia di Mestre, che evidenziano come, soprattutto in questi ultimi anni, ci sia stato un crollo quasi verticale dei nuovi giovani apprendisti che avrebbero dovuto appunto garantire un ricambio soprattutto ai vecchi artigiani andati perlopiù in pensione.

Vuoi lavorare? Prova a diventare artigiano e avrai il posto assicurato


La Cgia, nella sua puntuale ricerca, offre innanzitutto un quadro generale, rilevando che tra il 1970 e il 2015 gli apprendisti presenti nel nostro mercato del lavoro sono diminuiti del 43 per cento. Se in pieno boom economico superavano infatti le 721mila unità, l’anno scorso sono scesi a quasi 410mila occupati. E se già questi dati complessivi appaiono preoccupanti, ancora più allarmanti sono quelli che riguardano in maniera specifica il settore artigianale. Infatti, prendendo in considerazione il periodo più ristretto che va dall’inizio della crisi (2009) al 2015 gli apprendisti occupati nelle sole aziende artigiane sono diminuiti ben del 45 per cento. La ripartizione geografica più colpita da questa moria è stata sicuramente il Mezzogiorno (-61 per cento), seguono il Centro (-44 per cento), il Nordovest (-43 per cento) e il Nordest (-33 per cento).

La crisi degli artigiani e il limite della logica assistenziale


Secondo le analisi eseguite dalla Cgia di Metsre, si tratta certamente di una sorta di trend storico, che però, andando a spulciare nel dettaglio i dati, presenta un andamento altalenante, con picchi di diminuzione che si vanno a posizionare nei periodi di crisi, quali quelli attuali. Quindi un primo dato certamente incontrovertibile è quello che lega il calo di apprendisti e dunque di futuri artigiani, alla crisi economica. In sostanza accade che le piccole imprese e i micro-laboratori non ce la fanno a sopportare l’impiego di manodopera giovane, perché oppressi dalla crisi. Ma, secondo le considerazioni della Cgia, non c’è da sottovalutare anche un aspetto più strettamente sociologico, che ha visto con il tempo calare sensibilmente la considerazione economica, e quindi sociale, del mestiere di artigiano, considerato sempre più un lavoro si serie B, rispetto ad altre occupazioni.

Jobs Act, cinque cose da sapere


“Al di là della necessità di rilanciare la crescita e conseguentemente anche l’occupazione, - spiega Paolo Zabeo, coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia – è necessario recuperare la svalutazione culturale che ha subito in questi ultimi decenni il lavoro artigiano. Anche se bisogna evidenziare che attraverso le riforme della scuola avvenute in questi ultimi anni, il nuovo Testo unico sull’apprendistato del 2011 e le novità introdotte con il Jobs act, sono stati realizzati dei passi importanti verso la giusta direzione”. Dunque, per il rilancio dell’artigianato, una volta vero e proprio fiore all’occhiello del Made in Italy, non sarà sufficiente l’uscita dall’attuale stato di crisi economica, ma ci vorrà anche uno sforzo culturale, che porti a una radicale riconsiderazione del valore sociale del lavoro artigianale. Una prospettiva assolutamente da perseguire, perché potrebbe aprire tante nuove opportunità di lavoro a migliaia e migliaia di giovani.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Jobs Act, le novità con gli ultimi decreti attuativi

Più facilità nei controlli a distanza sui dipendenti, nuove regole per la cassa integrazione e per le dimissioni. Si completa così la riforma del lavoro

Jobs Act e disoccupazione, lo scetticismo dei lavoratori

Secondo un sondaggio, il 52% degli occupati pensa che la riforma del welfare non porterà alla creazione di nuovi posti

Occupazione, quanti posti ha creato il Jobs Act

Per l'Inps, nel 2015 sono cresciute di 469mila unità le assunzioni stabili. Ma nel mercato del lavoro abbondano ancora i contratti precari

Disoccupazione all'11,4%. Un anno di Jobs Act

A dicembre i senza-lavoro tornano a salire. Cosa ha funzionato e cosa no, nella riforma del welfare

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965