Lavoro

Ape volontaria in forte ritardo: a quando il via libera?

Chi vuole andare in pensione a 63 anni con il prestito previdenziale deve ancora aspettare. Tutte le pratiche sono in alto mare

Ape-pensioni

Andrea Telara

-

Doveva partire il 1° maggio ma, se si guarda il calendario, restano ormai ben pochi dubbi: l’Ape Volontaria, cioè il sistema che consente di andare in pensione a 63 anni di età anziché a 66 anni e 7 mesi, arriverà in porto con un ritardo ben superiore anche alle più pessimistiche aspettative, probabilmente nel 2018.

A distanza di oltre 5 mesi dalla data ufficiale di partenza, è ancora in stand-by il decreto della presidenza del consiglio dei ministri (Dpcm) che avrebbe dovuto mandare a regime l’Ape volontaria e che attende ancora il via libera dalla Corte dei Conti. Qualche piccolo passo in avanti, come scrive il Sole24Ore, si è avuto con la stipula di un accordo-quadro del governo con Ania e Abi (le associazioni di categoria delle banche e delle assicurazioni).


Il prestito pensionistico

Va ricordato infatti che l’Ape (anticipo pensionistico) si basa su un prestito previdenziale con cui il lavoratore ultra63enne riceve (attraverso la mediazione dell’Inps) un prestito da una banca o da una finanziaria. Quest’ultime si impegnano a pagare  le rate di pensione per il periodo compreso tra il compimento dei 63 anni e il raggiungimento dei 66 anni e 7 mesi anni, la soglia anagrafica prevista oggi dalla Legge Fornero per mettersi a riposo.

Poi, una volta compiuti i 67 anni, l’aspirante pensionato restituirà a rate gli assegni presi in anticipo, con una trattenuta sull’assegno Inps che si protrae per vent’anni, un po’ come la rata di un mutuo. Per creare questa forma di finanziamento l’esecutivo deve appunto stipulare un accordo con il sistema bancario e anche con la sigla di categoria delle assicurazioni (l’Ania) poiché il finanziamento è associato anche a una polizza obbligatoria sulla vita del pensionato-debitore.

Al momento, però, tutto è ancora in alto mare e dell’Ape volontaria non si vede l’ombra. In Italia ci sono 300mila lavoratori che in teoria potrebbero accedere all’anticipo pensionistico.Dovranno armarsi di pazienza ancora per un po'.  


Per saperne di più:




© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pensioni minime per i giovani: di cosa si parla

Si fa strada la proposta di istituire un assegno di almeno 650 euro al mese per chi ha iniziato la carriera dal 1996 e rischia di fare la fame in vecchiaia

Niente taglio alle pensioni d'oro dei sindacalisti: il governo contro Boeri

Ecco perché è stata bocciata la circolare Inps che negava il trattamento agevolato dei versamenti

Immigrati: quanto pesa il loro contributo per le pensioni degli italiani

Secondo il presidente dell’Inps Tito Boeri, la chiusura delle frontiere per i prossimi 22 anni farebbe mancare circa 38 miliardi di contributi

Pensioni e Ape, perché l'assegno rischia di essere troppo basso

Chi avrebbe maturato mille euro di rendita a 66 anni, ritirandosi a 63 anni ne prenderà solo 700. Ecco il costo salato del riposo in anticipo

Pensioni integrative e tfr, cosa cambia

Presto i lavoratori italiani potranno destinare ai fondi della previdenza complementare solo una parte della liquidazione e non più l’intera somma

Ape e pensioni anticipate, la guida completa

Come funziona, a chi spetta quella volontaria e quella social, come fare domanda: tutto quello che c'è da sapere per andare in pensione in anticipo

Pensioni e Ape, come funziona

Cosa bisognerà fare per mettersi a riposo a 63 anni, a partire dal 1° maggio (se tutto filerà liscio)

Ape e pensioni anticipate, le date da ricordare

Entro il 31 luglio va presentata la domanda per ritirarsi dal lavoro a 63 anni senza penalizzazioni. E l’Inps risponderà entro il 30 settembre

Commenti