Forbes, la classifica dei 100 atleti più ricchi del mondo

Tiger Woods è lo sportivo che ha guadagnato di più nell'ultimo anno. Sono solo tre le donne in classifica, tutte tenniste. Valentino Rossi (51°) è l'unico italiano

Tiger Woods vincente. Il golfista è atleta d'oro 2013 (Credits: Scott Halleran/Getty Images)

Cinzia Meoni

-

La pubblicità è l’anima dello sport. Basta dare un’occhiata alla top ten degli atleti che hanno guadagnato di più nell'ultimo anno, per rendersi conto di come lo sport altro non sia che un trampolino di lancio per contratti pubblicitari, sponsorizzazioni e ospitate tv ben retribuite. Lo evidenzia la classifica di Forbes dei 100 atleti più ricchi al mondo. Ma per chi è cresciuto con "Jerry Maguire" non è una novità. Quest'anno è tornato a splendere sul gradino più alto del podio Tiger Woods . Il campione ha occupato ininterrottamente la posizione dal 2001 al 2012 (quando il primo posto fu conquistato dal boxeur Floyd Mayweather, sprofondato al 14° con 34 milioni di incassi). Ma la lista prende in esame solo gli sportivi attivi negli ultimi dodici mesi: in caso contrario nessuno avrebbe potuto battere Michael Jordan uno dei campioni più amati nella storia del basket (6 campionati Usa e un oro olimpico) che, con i suoi 80 milioni di dollari di incassi realizzati (anche grazie al contratto con Nike), dominerebbe la classifica. Regina incontrastate degli accordi di sponsorizzazione è invece Nike che ha sotto contratto almeno 51 degli atleti d'oro elencati nel ranking di Forbes. Adidas ne ha 11 e Pepsi 18.

LA TOP10

Tiger Woods, golfista, ha guadagnato 78,1 milioni di dollari di cui 65 da contratti pubblicitari (tra gli altri, Nike che elargisce 20 milioni l'anno e Rolex) e 13,1 milioni da ingaggi e vincite. Woods, dopo gli scandali e il burrascoso divorzio, si riappropria così della pole position (lo scorso anno era stato relegato al 3° posto).

Roger Federer, tennista, 71,5 milioni di dollari. Solo 6,5 milioni provengono da vincite sportive. Il campione svizzero è riuscito infatti a guadagnare dieci volte tanto con gli accordi pubblicitari. E Federer, oltre al contratto con Nike (10 milioni l'anno) ha accordi con Wilson, Rolex, Gillette, Jura, Mercedes, Credit Suisse, Lindt, National Suisse, Moet&Chandon. Lo scorso anno era solo al 5° posto.

Kobe Bryant, giocatore di basket, ha messo in cassaforte 61,9 milioni: 27,9 milioni derivano da attività sportive e 34 milioni da pubblicità (l’onnipresente Nike, Coca-Cola, Turkish Airlines, Leonovo, Panini e Merceds-Benz). Migliora di tre posizioni rispetto al 2012.

LeBron James, giocatore di basket, ha realizzato 59,8 milioni di dollari (17,8 da ingaggi sportivi e 34 milioni da sponsorizzazioni tra cui Nike, Coca-Cola, McDonald’s e Samsung). Posizione stabile rispetto al 2012.

Drew Brees, giocatore di basket, ha messo da parte un tesoro di 51 milioni di cui 40 derivano da attività sportive e 11 dal resto Brees conta su dodici contratti pubblicitari tra cui Nike, Procter&Gamble, Verizon Wireless, PepsyCo e Wrangler. New entry.

Aaron Rodgers, giocatore di football, ha guadagnato 49 milioni i dollari (43 milioni dallo sport e 6 milioni dalle sponsorizzazioni). È una new entry.

Phil Mickelson, golfista, registra 48,7 milioni di cui 44 sono stati accumulati grazie agli sponsor (Callaway, Barclay’s, Kpmg, Exxon, Rolex e Amgen/Pfizer). Stabile rispetto al 2012.

David Beckham , calciatore ormai pensionato, ha realizzato 47,2 milioni di dollari. Di questi 5,2 milioni derivano dal pallone e gli altri 42 dai contratti pubblicitari (Adidas, Coty, H&M, Sainsbury’s, Samsung e Breitling...). Stabile rispetto allo scorso anno.

Cristiano Ronaldo , calciatore, ha guadagnato  44 milioni di dollari. Il tesoro è suddiviso quasi equamente: 23 milioni di ingaggi e 21 di sponsor. Stabile rispetto allo scorso anno.

Lionel Messi , calciatore, ha realizzato 41,3 milioni di dollari divisi quasi alla pari tra sport (20,3 milioni) e marketing (21, tra gli sponsor Adidas). Risale di una posizione rispetto al 2012.

I NUMERI DELLA TOP 100
Nel ranking sono rappresentati 11 differenti sport ad alto contenuto di testosterone: in pole position il baseball con 27 giocatori (anche se il primo in campo Alex Rodríguez, si posiziona solo al 18° posto), seguono: basketball (21), football (13) e calcio (12). Buona la rappresentanza anche di Formula1, del tennis e del golf. La regina degli sport olimpici, l’atletica, registra un solo rappresentante: lo sprinter giamaicano Usain Bolt  (al 40° posto) che nell'ultimo anno, ha raggranellato 24,2 milioni di cui solo 200mila dollari derivanti dalle competizioni e dall’atletica e 24 milioni dagli sponsor. Il nuoto è del tutto assente così come altri sport ad alto tasso di spettacolarizzazione: pattinaggio sul ghiaccio, sci, ginnastica...

I Paesi rappresentati sono 63. Dominano, inutile dirlo, gli Stati Uniti con ben 63 posizioni in classifica. L'Italia è rappresentata dal motociclista Valentino Rossi che tuttavia, rispetto al 2012, perde ben 31 posizioni. Valentino si classifica al 51° posto con 22 milioni di guadagni suddivisi in modo piuttosto equo (12 derivanti dalle gare e 10 dagli sponsor).

La classifica è poi piuttosto al maschile: si incontra la prima donna solo al 22° posto. Ed è al tennista Maria Sharapova che ha messo in cassaforte 29 milioni di dollari (sei derivanti da attività sportive e 23 dagli sponsor). La seconda, sempre tennista, è Serena Williams, al 68° posto con 20,5 milioni (8,5 milioni dalle gare e 12 dagli sponsor). La terza, un'altra campionessa della racchetta, è Li Na all'85° posto con 18,2 milioni (di cui 15 da contratti pubblicitari).

Quanto all’età infine, la media è di 32 anni. La leggenda del golf Ernie Els, 43 anni, è il campione più avanti con gli anni e conquista il 78° posto con 19,5 milioni. Il più giovane è Neymar da Silva Santos Júnior, star dell’FC Barcelona che ha solo 21 anni ma, nell’ultimo anno, è riuscito a guadagnare 20,5 milioni.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Formula Uno: ecco il nuovo colore dei soldi

La crisi cambia la fisionomia delle corse: arrivano i piloti “con la valigia” e gli sponsor dai Paesi emergenti

Commenti