White Paper Brexit: un accordo che non può funzionare

Mentre Theresa May cerca di mediare su una linea soft accettabile per l'Europa, i sostenitori della hard Brexit trovano l'approvazione di Trump

EU Referendum - Signage And Symbols

Brexit 2016: la Gran Bretagna ha votato per l'uscita dall'Ue – Credits: getty images

Claudia Astarita

-

Il Governo di Theresa May ha trovato l'accordo su un Libro Bianco che di fatto si presenta come una nuova proposta da parte de Regno Unito ai negoziatori della Commissione Europea per gestire meglio la Brexit.

Sono due anni che il Regno Unito cerca di negoziare una visione comune su una procedura di uscita dall'Unione Europea che possa essere condivisa. Soft o Hard Brexit? Meglio rimanere fuori o dentro il mercato unico? Cosa fare per quel che riguarda la libera circolazione delle persone? Sono queste alcune delle domande cui il governo May non è ancora stato in grado di rispondere, ma del resto non è ancora chiaro nemmeno se il partito conservatore britannico sia oggi l'espressione di un centro-destra pragmatico o di un populismo che ha preso in mano l'eredità dello Ukip di Nigel Farage

Le priorità del White Paper inglese

L'accordo con cui Londra ha definito le priorità del negoziato sulla Brexit si compone di cinque punti: economia, circolazione delle persone, unità nazionale, democrazia e posizione del Regno Unito nel mondo.

Nello specifico, la linea May punta a "sviluppare un rapporto economico con l'Unione europea fruttuoso e in grado minimizzare gli effetti negativi derivanti da un ri-orientamento dei flussi commerciali dell'Europa verso l'Inghilterra e viceversa". L'obiettivo dichiarato è quello di proteggere aziende e posti di lavoro, in maniera da non compromettere il benessere dell'economia nazionale. Del resto, lo sanno tutti che l'Europa continua ad essere il principale mercato di riferimento per l'Inghilterra.

Relativamente alla libera circolazione delle persone, invece, la May vuole intervenire con nuovi regolamenti. Essenzialmente per proteggere gli interessi della popolazione nazionale. Diverso il caso dell'Irlanda del Nord, dove invece sembra essere più raccomandabile procedere cn cautela e, soprattutto, senza costruire muri che potrebbero creare contrasti non voluti.

La Hard Brexit torna ad essere protagonista quando si parla di democrazia, prevedendo l'uscita dall'Unione Europea e la necessità di fare in modo che tutte le leggi e i regolamenti che riguardano il Regno Unito siano discussi e approvati all'interno dei confini nazionali. Detto questo, Londra sostiene di voler continuare a farsi promotrice di principi come libertà e apertura, ideali che rimarranno alla base della ridefinizione del suo nuovo ruolo internazionale.

Un accordo debole

Il White Paper di Theresa May è subito stato definito un accordo debole, non foss'altro perché le dimissioni improvvise dal Governo del Ministro alla Brexit David Davis, che aveva finora seguito i negoziati, e del Ministro degli esteri Boris Johnson, dimostrano come questa linea un po' dura e un po' soft non rappresenti affatto un compromesso accettabile.

Il commento di Donald Trump

Il White Paper del Governo May non poteva che essere criticato da Donald Trump, che da Londra, dove si trova per la sua prima visita presidenziale nel paese, ha accusato il governo non solo di aver ceduto alle richieste di Bruxelles, ma anche di aver di fatto annullato la possibilità di procedere alla negoziazione di un accordo di libero scambio tra America e Regno Unito.

Trump ha esplicitato il suo punto di vista in maniera molto chiara, sottolineando come la proposta di May non rappresenti nemmeno lontanamente l'interesse di una popolazione che ha votato per la Brexit. Il Presidente americano ha poi aggiunto che a queste condizioni a Washington non conviene trattere con Londra, perché quest'ultima non sarebbe in grado di esprimere una posizione autonoma ma continuerebbe a dipendere troppa da Bruxelles. Uno squilibrio che, seconto Trump, potrebbe essere risolto chiedendo a Boris Johnson di guidare la nazione.

Un futuro a tinte fosche

Sono più di due anni che sentiamo parlare di Brexit, ed è davvero preoccupate che dopo tutto questo tempo sia ancora così difficile immaginare i termini dell'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea e le conseguenze di questa operazione.

Criticare un governo perché non abbandona del tutto l'Unione Europe è facile, ma in questo caso andrebbe spezzata una lancia a favore della May, che quanto meno ha cercato di negoziare un piano che potesse rappresentare un compromesso. E invece ha finito con l'inimicarsi tutti: i politici pro Brexit la criticano per aver abbandonato la linea dura, l'opinione pubblica per aver lasciato il paese in una situazione di stallo che crea incertezza e in cui nessuna decisione può essere presa.

Il compromesso impossibile

Il vero problema della Brexit, e di Theresa May, è che un compromesso è davvero impossibile da trovare. Dall'Unione Europea o si è fuori o si è dentro. Anche perché Bruxelles è la prima a non voler accettare concessioni ad hoc. Essenzialmente per evitare che la Brexit crei un precedente per altri passi indietro all'interno dell'Unione.

E così il Regno Unito resta in una situazione di impasse molto pericolosa da cui, forse, si riuscirà ad uscire solo con un nuovo referendum. Con la speranza che il governo abbia imparato la lezione e chieda di votare su un accordo già definito. In maniera da evitare altri due o più anni di confronti che non portano a nulla.

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

Brexit? L'Europa ha ben altri problemi

Le dimissioni di altri due ministri-chiave del governo May mettono a nudo il rapporto inadeguato fra Europa e Stati membri

Brexit: ecco chi sono (o non sono più) i personaggi-chiave

Dai due ministri dimissionari ai rispettivi successori e le altre figure accanto e avverse alle strategie di soft Brexit del primo ministro Theresa May

Brexit, perché Theresa May adesso potrebbe essere più forte

Anche se rischia la rivolta di una parte del suo partito, il primo ministro compatta il governo e può gestire meglio le trattative per una versione soft dell'uscita dalla Ue

Brexit, il perché delle dimissioni dei ministri Davis e Johnson

Prima l'uno, poi l'altro, mollano in polemica con la linea soft del premier britannico Theresa May. Venti di crisi di governo nell'aria

Brexit: in che modo l'Irlanda del Nord determinerà un’uscita soft per Londra

Il backstop plan, l’accordo doganale temporaneo, potrebbe rimanere in vigore nel tempo. Come auspicano i britannici

Brexit: come e perché potrebbe arrivare lo stop

L’emendamento 49 indebolisce la posizione negoziale britannica e apre la strada a un nuovo refendum

Commenti