Euro

Standard & Poor's: "Italia fuori dalla recessione"

Tuttavia, aggiunge, rispetto ai Paesi vicini dell'Eurozona, la ripresa è ancora debole e la strada da fare è ancora lunga

L'ingresso della sede francese di Standard & Poor's

Redazione Economia

-

Il titolo dell'ultimo report dell'agenzia di rating Standard & Poor's si intitola Ripresa superficiale dell'Italia.

''Nel primo trimestre l'economia italiana è ritornata in vita; la fiducia nelle imprese sta migliorando e le indagini sui consumatori mostrano un livello di fiducia che non si vedeva dal 2008 ma la ripresa è debole rispetto ai paesi vicini dell'eurozona" scrive il capo economista Jean-Michel Six ricordando che il Pil reale è aumentato dello 0,7% nel primo semestre contro l'1,2% dell'eurozona.

''Ci sono segnali che indicano che le esportazioni italiane iniziano a funzionare meglio, ma una ripresa sostenibile avrà ancora bisogno di una forte ondata di investimenti'' dice il rapporto di S&P's. Rispetto alla media europea, il Rapporto NPL è più di quattro volte superiore ed è aumentato ad un ritmo molto più veloce. E' cruciale, oltre l'80% delle sofferenze bancarie sono nel settore corporate''.

"Anni di declino nella formazione di capitale hanno danneggiato il potenziale di crescita e la competitività globale dell'economia, e la continua crescita dei salari al di sopra tendenze della produttività si è aggiunta a questo deterioramento" sottolinea Six.

"Dalla fine del 2014 si sono visti segni di un'economia che sta rinascendo ma sarà una lunga strada per tornare a tassi di crescita del PIL semplicemente superiori a 1,5%" ha concluso Six.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Istat, Pil +0,3%: Italia fuori dalla recessione

Le stime preliminari indicano una crescita superiore a quella attesa dai mercati per il primo trimestre dell'anno rispetto all'ultimo del 2014. Su base annua variazione nulla

L'Italia fuori dalla recessione: pil +0,3%

La fine della recessione in Italia è merito di Draghi

Il Pil torna a crescere. Grazie soprattutto, come ribadisce l’Istat, al lancio del Quantitative easing della Bce. Determinante il secondo trimestre

Italia fuori dalla recessione: pil in crescita dello 0,3%

Il dato relativo al primo trimestre del 2015 conferma la stima del 13 maggio scorso. Addio anche alla deflazione: prezzi in crescita dello 0,2%

Commenti