Grecia-Germania: scontro sull'austerity

Angela Merkel non consentirà ad Atene ulteriori rinvii sul piano di rientro dai debiti

Il cancelliere tedesco Angela Merkel (Credits: AP Photo/Gero Breloer)

Ilaria Molinari

-

Le prime notizie sono uscite sul Financial Times. Atene è pronta a chiedere più tempo per attuare i nuovi tagli alla spesa concordati con la Troika. Sarà Antonis Samaras, il premier ellenico, a chiedere al cancelliere Angela Merkel (che incontrerà il 24 agosto) che la scadenza per l'applicazione delle nuove misure di austerità venga spostata dal 2014 al 2016. Ma non sarà certo facile. Anzi.

La Merkel ha chiaramente dichiarato che il governo greco deve attenersi agli impegni concordati con i partner dell'Eurozona e i creditori internazionali. Lo ha fatto dire al suo portavoce Steffen Seibert. La strada è segnata. Atene deve mantenere fede agli impegni e non alterare i già difficili equilibri che in questi giorni stanno tenendo l'Europa in tranquillità. Spread sotto controllo (quello tra i Btp italiani e tedeschi a 10 anni è a 428 punti, ai minimi da luglio), Borse silenziose. Certo, siamo alla metà di agosto. Ma c'era chi aveva preventivato una bufera . Che, come previsto, non si è verificata.

E ora Atene deve rispettare gli impegni. Per evitare che sull'Euro torni a soffiare vento di tempesta.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Grecia, il grande malato europeo non è ancora guarito

Lo scorso fine settimana Atene ha superato il test con la Troika. Adesso però viene il difficile. Da qui a settembre la strada è irta di ostacoli. Ecco quali sono

Io, greco ed economista, vi spiego perché non usciremo dall'euro

Parla Thanos Papadimitriou, docente alla Bocconi e una vita tra la London Business School e la Sillicon Valley. È convinto che la Troika concederà più tempo ad Atene. Troppo difficile gestire il dopo

Tutte le tappe dell'Eurocrisi. Cronologia di 5 anni di passione.

Il lungo travaglio dell'Unione Monetaria ha origini lontane, che risalgono al 2007, quando i mercati finanziari iniziano a crollare. Poi, gli errori delle autorità di Bruxelles fanno il resto

Commenti