automobili
.ANSA/Paolo Gargini
automobili
Economia

Equitalia, con le rate si potranno evitare le ganasce

L’ente di riscossione permetterà al contribuente che rateizza un debito l’utilizzo di un veicolo anche se già soggetto a fermo amministrativo

Equitalia dovrebbe nei prossimi giorni rendere ufficiale una novità per chi ha debiti con il fisco. Tutti coloro a cui verrà accordata la rateazione di un pagamento arretrato infatti, potranno ottenere, dopo il versamento della prima rata, lo sblocco di un veicolo soggetto a fermo amministrativo. Si tratta di una novità non da poco e che riguarda un numero cospicuo di contribuenti, visto che l’anno scorso a fronte di un milione di preavvisi, in più di 250mila casi sono effettivamente scattate le cosiddette ganasce fiscali, che in pratica rendono inutilizzabile un’automobile.

Equitalia, abolirla o riformarla?


Come detto, si tratta di un deciso passo in avanti, visto che la normativa in vigore, sul fronte del fermo amministrativo, prevede attualmente regole più stringenti. Se infatti le ganasce non sono ancora scattate, già ora il via libera ad una richiesta di rateazione blocca qualsiasi provvedimento di fermo. Ma se invece le ganasce sono già state decretate, allora anche la richiesta di un pagamento rateizzato non annulla il provvedimento: bisognava estinguere l’intero debito pagando tutte le rate richieste per riottenere la fruibilità delle propria automobile. Ora invece se, come annunciato, dovesse passare la nuova interpretazione voluta dalla stessa Equitalia, anche un provvedimento di fermo già in essere verrebbe ad essere annullato dal pagamento della prima rata. Dunque, il contribuente coinvolto in questa situazione, potrebbe tornare ad usare il proprio veicolo senza dover attendere l’estinguersi di tutto il programma di rateazione.

Sconti sulle multe, ma il vero problema è Equitalia


Tra l’altro, sono state definite anche le procedure da seguire per ottenere lo sblocco di un veicolo dopo l’accettazione di un piano di rateazione. Bisognerà recarsi presso gli uffici di Equitalia che rilascerà un documento di sospensiva da portare al Pra (Pubblico registro automobilistico) per ottenere lo sblocco del veicolo. Da sottolineare che il provvedimento in questione, come detto, sospende il fermo amministrativo, che tecnicamente verrà del tutto annullato sempre e solo all’atto di estinzione del debito. Per il futuro, la procedura potrebbe snellirsi ulteriormente, visto che uno scambio più efficiente di informazioni tra Pra ed Equitalia, dovrebbe permettere a quest’ultima di confermare la sospensione di un fermo amministrativo direttamente, senza costringere il contribuente a recarsi di persona presso gli uffici del Pra.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti