Brexit: in che modo l'Irlanda del Nord determinerà un’uscita soft per Londra

Il backstop plan, l’accordo doganale temporaneo, potrebbe rimanere in vigore nel tempo. Come auspicano i britannici

Brexit

Brexit - 20 giugno 2018 – Credits: iStock - CharlieAJA

Stefania Medetti

-

Quando il “sì” si è imposto al referendum per l’uscita dall'Unione Europea, i cittadini del Regno Unito non hanno potuto pronunciarsi sul tipo di Brexit desiderata. È stata Theresa May, diventata primo ministro, a scegliere nei giorni successivi al voto che il taglio sarebbe stato il più drastico possibile. Per molti mesi, la formula della hard Brexit è sembrata inevitabile. Il Regno Unito si sarebbe svincolato dell’Unione pagando un prezzo in termini economici e di sicurezza nazionale.

Inizialmente, la resistenza del Parlamento e l’opposizione dei Laburisti, ricorda The Economistè stata timida. Nelle ultime ore, però, alcune cose hanno iniziato cambiare: i Conservatori hanno cercato di sottrarre al governo il controllo del risultato della Brexit ed entro la fine dell'anno il parlamento esprimerà il proprio voto sull'accordo raggiunto dal governo con Bruxelles. Se, come è possibile, il parlamento rifiuterà la Brexit targata May, saranno necessarie nuove trattative per evitare un'uscita senza accordo.

Decidere di non decidere

Ma resta il nodo del confine con l’IrlandaBruxelles, infatti, ha chiesto che non siano costruite barriere e punti di controllo e la richiesta è stata accolta lo scorso dicembre dal primo ministro britannico. Conciliare una politica commerciale indipendente con un confine invisibile, però, è un ostacolo insormontabile e nei giorni scorsi Londra ha definito un “backstop plan”, un piano di sicurezza di un anno per la gestione del confine irlandese. Il piano comprenderà il completo allineamento con le regole più rilevanti del mercato europeo. Per superare il problema del confine esterno dell’Unione Europea fra Irlanda a Irlanda del Nord post-Brexit e tutelare l’integrità costituzionale del Regno Unito, questa condizione sarà applicata all’intero paese. 

Un caso simile alla Norvegia

Se i sondaggi suggeriscono che la maggioranza dei cittadini britannici è a favore di un'uscita soft, Theresa May deve comunque fare i conti con lo scetticismo nei confronti dell'Europa dei suoi colleghi di partito. Anche se l’ipotesi di nuove elezioni è un’incognita con cui nessuno non vuole fare i conti, la leadership di May potrebbe essere messa in discussione. È molto probabile, dunque, che il periodo di transizione determinato dal backstop plan potrebbe durare per molti anni, uno scenario simile a quello della Norvegia. Oslo, infatti, ha siglato un accordo economico temporaneo con l’Unione Europea nel 1994 che è in vigore ancora tutt’oggi.

Per saperne di più:

- Ecco come anche la Brexit potrebbe essere falsata dai big data

- Brexit: dove vuole arrivare il movimento People's Vote

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

Brexit: come e perché potrebbe arrivare lo stop

L’emendamento 49 indebolisce la posizione negoziale britannica e apre la strada a un nuovo refendum

Brexit: ecco perché rappresenta un’opportunità per il crimine

La National Crime Agency fotografa una situazione ad alto rischio per le imprese britanniche

Brexit, le città preferite da grandi banche e compagnie in fuga da Londra

L'esodo dalla City inglese è iniziato. Ma nella gara tra metropoli dell'Eurozona Milano resta a guardare a favore di Parigi e Francoforte

Commenti