Brexit: le 24 domande a cui nessuno sa rispondere

La Camera di Commercio Britannica invita il governo a fornire strumenti decisionali agli imprenditori

Brexit

Brexit - 16 luglio 2018 – Credits: iStock - CharlieAJA

Stefania Medetti

-

A meno di nove mesi dal divorzio dall’Unione Europea, la Camera di Commercio Britannica ha pubblicato una raccolta di 24 domande che gli imprenditori si pongono senza aver avuto un riscontro soddisfacente da parte delle istituzioni. Le aziende, infatti, non sanno se  dovranno fare i conti con nuovi regolamenti, nuove tariffe e nuovi controlli ai confini. Ma fra le questioni irrisolte, ricorda Cnnentrano anche la possibilità di spostare i dipendenti e il sistema delle imposte.  

La posizione di Downing Street

Stando al Libro Bianco presentato da Theresa May nei giorni scorsi, Londra mira a conservare la libera circolazione delle merci grazie a un’intesa per l’unione doganale con l’Europa. La libera circolazione delle persone, inoltre, dovrebbe essere garantita per alcune categorie, come turisti, studenti e lavoratori qualificati e temporanei. All’indomani della presentazione della linea morbida impostata da Downing Street, la Camera di Commercio Britannica sottolinea che il punto di domanda sulla maggior parte delle questioni rimane. Ecco, dunque, quali sono i sottogruppi di variabili con cui gli imprenditori britannici devono fare i conti, senza sapere come. 

1. Persone

Le aziende non sanno se potranno assumere e a quali condizioni i dipendenti dei paesi europei. I viaggi di lavoro fra il Regno Unito e l’Unione Europea, inoltre, potrebbero richiedere costi, pratiche e visti. Analogamente, non è chiaro se i dipendenti potranno essere spostati fra il Regno Unito e i paesi Ue. 

2. Ricerca

Gli imprenditori non hanno informazioni sulla possibilità di partecipare ai progetti di ricerca dopo il 2020 e sul supporto finanziario dalla Banca Europea di Investimento. Inoltre, non è chiaro in che modo il Regno Unito potrebbe sostituire questi concorsi e sovvenzionare la ricerca.   

3. Imposte

Sarà necessario pagare l’Iva al momento dell’importazione oppure sarà possibile rimandare l’addebito? E ancora, le imprese si chiedono se bisognerà registrarsi per ottenere una posizione iva per ogni singolo mercato europeo in cui si hanno clienti.

4. Agenzie di controllo e standard

Mancano ancora informazioni sulle procedure di controllo e sui regolamenti a cui le aziende britanniche e i loro prodotti saranno soggetti. Inoltre, restano dubbi sul fatto se la dichiarazione di conformità siglata da un organismo britannico sarà valida e sufficiente per l’Unione Europea e lo stesso si applicherà alla definizione di standard industriali in futuro.

5. Commercio

Mentre la questione delle tariffe resta aperta, le aziende non hanno informazioni su quali regolamenti entreranno in vigore per la definizione dell’origine dei prodotti e per la possibilità di trasferire prodotti e persone dopo marzo 2019.

6. Confini

Anche i controlli, le procedure e le ispezioni per i prodotti Made in Uk potrebbero cambiare e questo potrebbe segnare un aumento delle procedure amministrative per l’esportazione nell’Unione Europea. Le aziende non hanno ancora indicazioni sul fatto se saranno istituite corsie preferenziali per alcuni business. Infine, resta il punto di domanda per le procedure commerciali fra l’Irlanda e l’Irlanda del Nord.

Per saperne di più:

- Brexit: Donald Trump e Theresa May tra odio e amore

- Brexit? L’Europa ha ben altri problemi


© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

Brexit: Donald Trump e Theresa May tra odio e amore

Il presidente statunitense prima critica il piano di uscita dall'Unione Europea voluto dalla premier, poi ne tesse le lodi. Ecco cos'è successo

Brexit, il perché delle dimissioni dei ministri Davis e Johnson

Prima l'uno, poi l'altro, mollano in polemica con la linea soft del premier britannico Theresa May. Venti di crisi di governo nell'aria

Brexit: in che modo l'Irlanda del Nord determinerà un’uscita soft per Londra

Il backstop plan, l’accordo doganale temporaneo, potrebbe rimanere in vigore nel tempo. Come auspicano i britannici

Commenti