Aziende

UniCredit, cosa aspettarsi dopo l'aumento di capitale

Successo per la ricapitalizzazione da 13 miliardi della banca. La case d'affari ottimiste sul titolo perché il patrimonio del gruppo è più robusto

Unicredit-sede

Andrea Telara

-

Obiettivo centrato in pieno, o quasi, con il 99,8% delle adesioni. Si sta per chiudere così l'aumento di capitale da 13 miliardi di euro di UniCredit, che ieri ha terminato la sua prima fase con risultati molto positivi. Il valore delle nuove azioni emesse e sottoscritte è stato pari infatti a 12.968.720.936,60 euro mentre poco più di 30 milioni di euro di titoli sono rimasti inoptati. Dunque, cosa succede ora? Innanzitutto va registrato che la banca guidata da Jean Pierre Mustier ha fatto una bella scorta di capitale che le consente di avere le spalle più robuste di prima. Con i circa 13 miliardi di euro raccolti, l'indice Cet1 che misura la solidità patrimoniale del gruppo salirà dal 7,54% attuale (un livello inferiore a quanto prescrive la Banca centrale europea) sino all’11,15%. Ed entro il 2019, secondo il piano industriale messo in cantiere da Mustier, lo stesso Cet 1 dovrebbe salire al 12,5%.


Leggi anche: Le migliori banche del 2017


Di fronte a una banca, diversi analisti che la seguono a Piazza Affari hanno rivisto in meglio il loro giudizio sulle sue azioni. Un raccomandazione di acquisto dei titoli UniCredit è arrivata nei giorni scorsi da Equita sim con un prezzo-obiettivo (target price) di 16,4 euro, contro le quotazioni attuali in borsa di 12 euro. Un giudizio buy (comprare) è stato confermato anche da Banca Akros che intravede un potenziale di rialzo fino a 18,8 euro. Ieri, invece, gli analisti della banca tedesca Berenberg hanno suggerito di mettersi nel portafoglio il titolo UniCredit con un prezzo-obiettivo di 15 euro.


Leggi anche: Le peggiori banche del 2017


Non va dimenticato però che l'aumento di capitale di UniCredit non è formalmente ancora concluso del tutto. Dal 27 al 3 marzo, infatti, verranno negoziati in borsa i pochi diritti rimasti inoptati durante la prima fase dell'offerta. Si tratta di strumenti finanziari derivati che danno la facoltà di acquistare  le azioni UniCredit di nuova emissione (cioè frutto dell'aumento di capitale) al prezzo di 8,09 euro ciascuna e con un rapporto di 13 a 5 (13 nuovi titoli della banca ogni 5 diritti posseduti). Chi era già azionista di UniCredit e ha aderito all'aumento di capitale, invece, deve mettere mano al portafoglio e pagare le nuove azioni sottoscritte, sempre al prezzo di 8,09 euro ciascuna e con quel rapporto di 13 a 5. Esempio: chi deteneva 100 delle vecchie azioni della banca (o ha già comprato 100 diritti per partecipare alla ricapitalizzazione) potrà comprarne 260 di nuove (13 ogni 5 possedute) sborsando nel complesso poco più di 2.100 euro (260 moltiplicato per 8,09 euro che è appunto il prezzo unitario stabilito per le azioni frutto dell'aumento di capitale).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le peggiori banche del 2013

Tra maxi-multe per i mutui sub prime, manipolazioni dei tassi e commissariamenti, ecco gli istituti finanziari che hanno fatto parlare maggiormente di sé nell'ultimo anno

Le peggiori banche del 2014

Carige, Mps, i piccoli istituti commissariati e i big internazionali. Ecco i gruppi finanziari che hanno fatto maggiormente parlare di sé nell'ultimo anno

Le peggiori banche del 2015

Da Banca Etruria a Veneto Banca, ecco gli istituti italiani che hanno fatto parlare di sé (purtroppo in negativo) nell'anno che sta per finire

Le peggiori banche del 2016

Da Monte dei Paschi alla Popolare di Vicenza, gli istituti di credito che hanno fatto parlare male di sé durante l'anno che sta per concludersi

Le migliori banche del 2016

Da Fineco a Banca Generali, passando per Mediolanum, Fideuram Ispb e il Banco di Sardegna. Ecco gli istituti più solidi

Le migliori banche del 2017

Fineco, Banca Generali, Mediolanum Fideuram Ispb e il Banco di Sardegna. Ecco gli istituti più solidi

UniCredit: le cose da sapere su crisi e ricapitalizzazione

Perché la banca guidata da Jean Pierre Mustier è da giorni nel mirino della speculazione e dovrà chiedere altri soldi al mercato

Unicredit cede il 20% di FinecoBank

Il corrispettivo dell'operazione ammonta a circa 552 milioni di euro. Il collocamento è avvenuto in prevalenza presso fondi esteri

Unicredit vende Pioneer: le cose da sapere

Ceduta alla francese Amundi per 3,8 miliardi di euro. Nasce il terzo colosso del risparmio gestito dopo Allianz e Axa

Unicredit: cosa prevede il piano per il 2019

Aumento di capitale da 13 miliardi, svalutazioni per 12,2, circa 6.500 esuberi di cui 3.900 in Italia. E l'ad Mustier si taglia lo stipendio

Look at Me! I ritratti nella Collezione d'Arte UniCredit

Sino al 29 gennaio 2017, all'UniCredit Pavilion di Milano, una raccolta fotografica di 170 opere

UniCredit, pro e contro dell'aumento di capitale

Il piano industriale e la ricapitalizzazione da 13 miliardi della banca guidata da Jean Pierre Mustier sacrificano i ricavi ma piacciono agli analisti

Unicredit e l’aumento di capitale, le cose da sapere

Definiti i dettagli del piano che porterà nelle casse della banca guidata da Jean Pierre Mustier ben 13 miliardi di euro di risorse

UniCredit e l’aumento di capitale, istruzioni per l’uso

Come funziona l’operazione che porta nelle casse della banca circa 13 miliardi di euro. Le opzioni per gli azionisti

Commenti